Omicidio Lignano: c'è il pericolo che Lisandra Agilar Rico scappi

Il GIP di Udine ritiene fondata la possibilità che la 21enne cubana possa allontanarsi dall'Italia. Per questo ha disposto l'ordinanza di custodia cautelare in carcere. Secondo il magistrato l'omicidio non fu premeditato

Il tribunale di Udine

Lisandra e Reiver non avevano premeditato l'uccisione dei coniugi  Burgato. Secondo il Gip del Tribunale di Udine, Paolo Lauteri, che ieri ha convalidato il fermo e disposto la custodia cautelare in carcere per la ragazza, ''l'intento iniziale era quello di fare una rapina''.

L' omicidio, ''per quanto aberrante e raccapricciante sotto molteplici aspetti, rispondeva comunque alla fredda logica di eliminare scomodi testimoni che avevano comunque avuto modo di riconoscere i propri aggressori''.

La ragazza secondo il magistrato deve stare in carcere. Ha infatti predisposto l'ordinanza di custodia cautelare giustificata dal pericolo di fuga, di inquinamento probatorio e di reiterazione del reato.

LISANDRA E REIVER TENTARONO LA FUGA IN TAXI

RITROVATO REIVER LABORDE RICO A CUBA

LA RICHIESTA DI ESTRADIZIONE PER REIVER

LISANDRA RIFIUTA DI PARLARE AL GIUDICE

DELITTO E RAPINA: C'ERA PREMEDITAZIONE

IL VIOLENTO OMICIDIO DEI CONIUGI BURGATO

LA CONFESSIONE DI LISANDRA AGILAR RICO

IL FERMO DELLA GIOVANE CUBANA A SALERNO

IL COINVOLGIMENTO DI REIVER LABORDE RICO

IL BIGLIETTO DAVANTI AL NEGOZIO DEI BURGATO

Il fatto che i due ragazzi si fossero portati da casa due coltelli ''potrebbe essere indice di una determinazione criminosa già assunta in precedenza, magari con mera eventualità sussidiaria ma rimane allo stato un dato piuttosto ambiguo, ben potendo lo strumento servire semplicemente a spaventare le vittime''.

Per Lauteri ''la violenza cieca e la relativa freddezza sono fattori che denotano una personalità decisamente capace di ogni tipo di illegalità e violazione di qualsiasi regola del vivere civile''.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il GIP ha dunque ritenuto credibile il racconto reso da Lisandra nel lungo interrogatorio davanti al pm, Claudia Danelon e ha identificato il movente nella rapina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • 15 luoghi da non perdere in Friuli Venezia Giulia

  • Cinque camminate facili a Udine e dintorni, alla ricerca del fresco

  • Friuli circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Tragedia a San Domenico, Francesca perde la vita a soli 23 anni

  • Coronavirus, aumentano anche in Fvg i positivi e nuovi contagi

  • Il giovane udinese che vizia di lusso vintage Chiara Ferragni: la storia di Massimo

Torna su
UdineToday è in caricamento