Giulio Regeni è morto per la frattura di una vertebra del collo

Questo quanto è risultato dall'autopsia effettuata in Italia sul corpo del giovane

Giulio Regeni - il giovane ricercatore friulano trovato senza vita al Cairo - è morto per la frattura di una vertebra cervicale, causata da un violento colpo al collo. Il particolare è emerso dall'autopsia sul cadavere del giovane effettuata a Roma, una volta rimpatriata la salma. 

I medici legali hanno inoltre riscontrato altre fratture evidenti sul corpo del ricercatore, a netto sostegno dell’ipotesi di maltrattamenti e torture. Altre verifiche saranno ora svolte per accertare se la frattura della vertebra cervicale possa anche essere stata determinata dalla rotazione indotta della testa del giovane su un lato oltre il punto di resistenza. Nel corso dell'autopsia sono stati raccolti numerosi reperti che saranno sottoposti ad analisi specifiche di laboratorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una volta terminati gli esami il corpo del giovane farà rientro in Friuli per i funerali.
   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore in carcere a soli 22 anni, la Procura apre un'indagine

  • Mascherine 3D riutilizzabili: l'invenzione di due aziende udinesi

  • Coronavirus: salgono a 1436 i casi positivi, 119 in più in un solo giorno

  • Triatleta corre 16 km in giardino «per le persone in prima linea per la nostra salute»

  • Coronavirus: cala il numero dei contagi, due nuovi decessi

  • Coronavirus, contagi in aumento dopo il fine settimana di calo

Torna su
UdineToday è in caricamento