rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Attualità

Crisi terapie intensive, "avevano ragione gli anestesisti e aveva torto Riccardi"

A dirlo è Cristiano Shaurli del Partito democratico. "Senza trasparenza non si vince il Covid, e il Friuli Venezia Giulia è più in difficoltà di altri"

“Avevano ragione gli anestesisti e aveva torto Riccardi: questo è il dato di fatto del report ministeriale sulle terapie intensive. In più l’assessore ha tentato di fornire ai cittadini informazioni distorte e addomesticate, ribadendo la sua versione anche di fronte all’esito ufficiale dell’ispezione. Sono fatti gravi, di fronte ai quali non si può far finta di niente, altrimenti si accetta che i cittadini non si fidino più di un pezzo di Istituzioni, si accetta che qualcuno pieghi al consenso la verità su un tema cruciale come la salute pubblica. Ma senza trasparenza non si vince il Covid, e il FVG è più in difficoltà di altri. Davanti a quello che si profila come uno scandalo nazionale valuteremo le iniziative da prendere anche in Consiglio regionale”. Lo afferma il segretario regionale Pd Fvg Cristiano Shaurli, in merito a quanto emerso dal report del Ministero della Salute sulle criticità nelle terapie intensive in Fvg, fatto a seguito delle ispezioni di inizio agosto negli ospedali di Palmanova e Gorizia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi terapie intensive, "avevano ragione gli anestesisti e aveva torto Riccardi"

UdineToday è in caricamento