«Spazi all'aperto e coperti come per Friuli Doc per i commercianti di tutta Udine»

La proposta di Enrico Bertossi, capogruppo Prima Udine, per aiutare bar, ristoranti, artigiani e commercianti nella fase due

Immagine d'archivio

Spazi all'aperto ma coperti per riparare dal sole e dalla pioggia allestiti dal comune, come avviene per Friuli Doc. Questa la proposta di Enrico Bertossi, capogruppo di Prima Udine, per tutti i bar, ristoranti, artigiani e commercianti non solo del centro storico, ma di tutta la città di Udine.

Tutta la città

"Prendiamo atto con soddisfazione che il sindaco, dopo numerosi solleciti e interventi delle categorie economiche e di consiglieri comunali di maggioranza e opposizione, ha annunciato che finalmente si interverrà nella direzione auspicata con alleggerimento delle tasse, creazione di spazi all’aperto e limitazioni al traffico per consentire di lavorare anche in presenza dell’emergenza – dichiara Bertossi –. Tutto questo però deve essere realizzato in tutta la città, con strutture provvisorie adeguate e affiancato da un programma di iniziative culturali e ricreative che coinvolga tutti gli operatori del settore".

Sospensione dei tributi, ampliamento dello spazio esterno e contributi affitti per i commercianti di Udine

Bambini

Per il capogruppo, "anche i servizi legati ai bambini potrebbero usufruire di queste strutture" dando delle soluzioni concrete alle difficoltà di questo periodo.

Prima vittima tra i commercianti di Udine: chiude l'osteria Dal Barbe

No a Friuli Doc

Con quali fondi? Per Bertossi, "bisogna usare subito le risorse destinate a Friuli Doc". Insieme al collega Giovanni Marsico, Bertossi ha già presentato infatti una mozione in cui "proponiamo che si accantoni sin d’ora l’edizione di quest’anno di Friuli Doc e la si sostituisca con un piano straordinario di allestimento di spazi all’aperto da giugno a Natale che consentano a tutti in qualche modo di lavorare e rivitalizzare Udine nel pieno rispetto delle regole imposte dalla pandemia, dando vita a un semestre di attività in tutta la città tali da renderla sicura, rilassante e attrattiva per gli italiani e i turisti stranieri, quando e se sarà possibile, a totale ed esclusivo beneficio delle partite iva udinesi e degli operatori musicali e culturali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mille ordini a settimana: nessuno ferma più i friulani del delivery esotico

  • L'omino Michelin sorride ai ristoranti friulani, ecco le stelle 2021 della famosa Guida

  • Vaccino anti Covid-19, ecco il piano del Friuli Venezia Giulia

  • Dati in miglioramento: oggi la decisione del governo sul nuovo colore del Fvg

  • Nuovo record di contagi in FVG, oggi 1432 nuovi positivi e 25 morti

  • Femminicidio nella notte: uccisa una donna di 34 anni

Torna su
UdineToday è in caricamento