Giardino

Zanzariere magnetiche, semplici ed economiche. Ecco come scegliere il modello giusto

Con l'aumento delle temperature e l'arrivo dell'estate siamo tentati di avere porte e finestre sempre aperte. Anche se si crea la giusta temperatura il rischio di essere "invasi" dalle zanzare è alto. Per proteggerci dagli insetti senza rinunciare al fresco naturale, le zanzariere sono la soluzione perfetta. Ecco i migliori modelli efficienti e pratici da installare

Oltre al sole, un altro simbolo dell'estate sono senza dubbio le zanzare. Piacevole il primo, decisamente fastidioso il secondo. Specialmente nelle calde serate, magari in compagnia di amici e con un gustoso barbecue acceso in terrazzo o giardino, basta tenere aperta la porta per qualche secondo che le zanzare si infilano dentro pronte a rovinarci il sonno.

C'è chi si attrezza con zampironi, chi con lampade insettidice, chi riempie la casa delle famose "piastrine" antizanzare. Soluzioni spesso non propriamente "green" e che possono dare fastidio non solo alle zanzare, ma anche ad alcune persone.

La soluzione ottimale, dunque, resta quella della barriera fisica, ovvero le zanzariere. Ma sono tutte uguali? Nemmeno per idea, visto che ne esistono modelli per ogni esigenza. Scopriamo quali sono le migliori, quali caratteristiche devono avere e quali quelle più facili da installare. In particolare vediamo quali sono le migliori zanzariere magnetiche, facili e semplici da montare e decisamente pratiche se si vuole entrare o uscire da casa avendo le mani occupate.

Le caratteristiche di una zanzariera efficiente

Le zanzariere magnetiche sono un modo economico per riparasi dagli insetti e nello stesso tempo sono semplici da utilizzare. Si aprono e si chiudono in automatico al passaggio di persone o animali grazie al magnete posto nella parte centrale.

Facili da montare, per essere efficienti hanno bisogno di alcuni requisiti fondamentali, vediamo quali.

Materiali

Per tenere lontane le zanzare e gli insetti, la zanzariera deve essere realizzata con materiali di qualità e scegliere quello che risponde meglio alle vostre esigenze. Ecco quelli più utilizzati:

  • fibra di vetro: è il più diffuso per la sua resistenza e durata nel tempo;
  • poliestere: duraturo come il precedente, ha il vantaggio di essere manipolato facilmente per adattarsi ad ogni finestra. Le maglie molto fitte, impediscono l'ingresso agli insetti più piccoli, senza sacrificare la luce o l'aria;
  • polietilene: la mescola di plastica e fibra di vetro è utilizzata soprattutto quando si devono proteggere aree vaste come i pergolati.

Tipi di attacco e montaggio

Quando si sceglie una zanzariera oltre al materiale si deve valutare l'attacco e la facilità del montaggio. Se volete una soluzione veloce e che non rovini gli infissi, meglio scegliere quello con adesivi o fermagli, se invece siete alla ricerca di un modello definitivo potete optare per quello con i chiodini. Vediamo nello specifico come montare le zanzariere in base all'attacco.

Attacco con adesivo e velcro

Il montaggio con adesivo è il più semplice perché lungo tutta la zanzariera è presente il velcro. La prima cosa da fare è pulire bene gli infissi, eliminando la polvere e lo sporco che potrebbero rovinare l'adesivo. Una volta pulito dovete incollare la parte dura del velcro sull'infisso, facendo attenzione a non creare bolle. La parte morbida, invece, va attaccata alla zanzariera. A questo punto, non dovete fare altro che montare la zanzariera unendo i due pezzi di velcro.

Attacco con adesivo e fermagli

Anche questa soluzione è perfetta per chi non ama particolarmente il fai da te e non vuole rovinare gli infissi. Come per il precedente montaggio, bisogna pulire bene il telaio degli infissi, per evitare che i residui impediscano all'adesivo di incollarsi. A questo punto si devono attaccare i ganci lungo tutti i bordi. Una volta posizionati, dovete prendere le misure e bucare la zanzariera in corrispondenza dei ganci. Non vi resta che applicare i fermi che fisseranno la zanzariera alla finestra.

Attacco con chiodini

La soluzione è perfetta per chi vuole una zanzariera più resistente e teme che l'adesivo non aderisca bene. In questo caso bisogna posizionarla e fissarla nella parte alta con i chiodini facendo attenzione a metterla un centimetro più in alto rispetto ai bordi, per rendere l'apertura e la chiusura più facile. Una volta sistemata la parte superiore, dovete ancorarla sui lati, senza tirarla ma lasciandola cadere in modo naturale.

Ecco una selezione dei migliori modelli di zanzariere magnetiche

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zanzariere magnetiche, semplici ed economiche. Ecco come scegliere il modello giusto

UdineToday è in caricamento