Da uccel di bosco a uccel d'autostrada. Sempre più specie scelgono l'A4 per nidificare

Dal martin pescatore, all’airone cenerino, dalla gallinella d’acqua al germano reale, sono tanti gli uccelli che hanno eletto a dimora i bacini artificiali e i boschi nati duranti i lavori perla terza corsia.

La natura si riprende i suoi spazi adattandosi a quelli nuovi creati dall'uomo. È così che può capitare di vedere diverse specie di uccelli nidificare proprio a fianco dell'autostrada A4. Dal martin pescatore, all’airone cenerino, dal marangone minore allo scricciolo, dalla gallinella d’acqua alla folaga, dal tuffetto al germano reale o al cavaliere e al fringuello.

Oltre mille le piante messe a dimora nel solo primo lotto della terza corsia

Molte specie di uccelli, infatti, hanno scelto il primo lotto della terza corsia dell'A4, Quarto d’Altino-San Donà di Piave per alimentarsi, svernare e in alcuni casi nidificare. Certo, non in mezzo alle corsie, ma nei bacini idraulici costruiti vicino all'autostrada per trattenere l’acqua piovana in surplus e restituita pulita, dopo essere stata trattata, alla rete idrografica. Accade di vedere anche questo dopo i lavori per la realizzazione della terza corsia, dove vengono anche create delle nuove aree boscate. Oltre mille, per la precisione 1.251, le piante attualmente presenti a Querco-Carpineto e messe a dimora nel corso dei lavori, con una quantità di 115 tonnellate di anidride carbonica assorbita.Un risultato eccellente dal punto di vista ambientale, a cui si aggiunge la scoperta, appunto, che alcuni uccelli, tra cui anche specie molto rare, hanno eletto a oasi di biodiversità i 22 bacini idraulici costruiti in quel tratto.

Tra i canneti si nidifica meglio

Quelli che, per configurazione, si avvicinano di più ad uno stagno naturale sono diventati un punto di attrazione per alcune specie di uccelli che hanno scelto proprio questi luoghi per alimentarsi, svernare e in alcuni casi nidificare. Per quanto riguarda la tipologia di vegetazione acquatica che si è adattata meglio è stato canneto, in quanto favorisce riparo, risultando un punto attrattivo per la nidificazione di alcune specie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mille ordini a settimana: nessuno ferma più i friulani del delivery esotico

  • Da modello a disastro: la lettera di denuncia dei medici del Pronto Soccorso di Udine

  • Natale 2020 solo tra conviventi, ma ci sono possibilità anche per fidanzati e nonni

  • Coronavirus, oltre 700 contagi e 25 morti: Gimbe ci dà come la regione più in difficoltà

  • Dati in miglioramento: oggi la decisione del governo sul nuovo colore del Fvg

  • Niente spostamenti a Natale e Capodanno, vietato uscire dal Comune

Torna su
UdineToday è in caricamento