menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fvg ancora in zona rossa: quanto durerà e le regole dopo le feste pasquali

Undici regioni in zona arancione e nove in zona rossa da oggi, martedì 6 aprile. Quali sono le regole, quando serve l'autocertificazione e cosa cambia dal 20 aprile con la zona gialla e le delibere del consiglio dei ministri

Da oggi, martedì 6 aprile, le regioni cambiano colore e l'Italia sarà tutta in zona rossa e arancione. Undici saranno le regioni in zona arancione e nove quelle in zona rossa, mentre il governo di Mario Draghi lavora a una possibile, graduale riapertura a partire dal 20 aprile quando ci si auspica che i numeri dell'epidemia saranno in miglioramento.

Le regioni che cambiano colore e cosa succede dopo il 20

In base al decreto legge n. 44 primo aprile 2021 le eventuali riaperture sono condizionate "all’andamento dell'epidemia" e all’"attuazione del piano vaccini", ma senza definire i particolari criteri per deciderle, anche se non c'è alcuna indicazione specifica. 

Il governo Draghi ha disposto l’applicazione di ulteriori  misure restrittive per il contenimento del contagio da Covid-19: dal 6 al 30 aprile 2021 in tutte le zone gialle si applicano le disposizioni previste per le zone arancioni (articolo 1, comma 1, del decreto-legge 13 marzo 2021, n. 30, e art. 1, comma 2, del decreto-legge 1 aprile 2021, n. 44). In base a tali disposizioni e alle ordinanze del Ministro della Salute, da martedì 6 aprile, si applicano le misure previste:

per la zona arancione alle regioni Abruzzo, Basilicata, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Sardegna, Sicilia, Umbria e Veneto e alle Province autonome di Bolzano e Trento;
per la zona rossa alle regioni Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Puglia, Toscana e Valle d'Aosta.
Dopo il 20 aprile il provvedimento che potrebbe portare le regioni in zona gialla o bianca dovrebbe essere contenuto in una delibera che dovrà poi avere l'ok definitivo dal Consiglio dei Ministri. L'obiettivo è programmare date e stabilire se e chi potrà alzare le serrande. I governatori, che vedranno anche il ministro Mariastella Gelmini alla Conferenza Stato-Regioni, chiedono di "fornire prospettive a quei settori chiusi valutando aperture subito dopo il 20 aprile, nel caso di un miglioramento dei dati epidemiologici, per poi permettere da maggio la ripartenza di attività in stand-by da troppo tempo, come le palestre".

Fvg in zona rossa

Rispetto alle regole applicate nei giorni delle festività pasquali, cosa cambia? Gli spostamenti sono consentiti solo per ragioni lavoro, salute, necessità e tra questi rientra l’assistenza ad una persona non autosufficiente; si potrà rientrare nella propria residenza, nel domicilio o nell’abitazione in cui ci si ritrova abitualmente con il partner e anche nelle seconde case; si potrà andare a fare la spesa e a messa oltre che in farmacia e dal tabaccaio.
Non ci si potrà recare a casa di altre persone, ma è permesso il ricongiungimento con i partner che vivono in un’altra provincia. Resta la possibilità di andare nella propria seconda casa, anche se ci si muove o si va verso una regione in zona rossa (a meno che non sia esplicitamente vietato in quella regione).
Bar e ristoranti sono chiusi; è consentito solo il servizio a domicilio o l’asporto entro le 22. Restano aperti gli autogrill lungo le autostrade e i bar in stazioni e aeroporti. Restano chiusi i negozi “non essenziali": fino al prossimo 30 aprile saranno aperti le farmacie, i tabaccai, le edicole e altri punti vendita come i negozi di informatica e di abbigliamento intimo, nonché le profumerie; saranno ancora chiusi parrucchieri, i barbieri e tutti i centri estetici.
I negozi aperti sono: supermercati, alimentari, tabaccai,  farmacie, parafarmacie, librerie, edicole, fiorari, negozi di giocattoli e abbigliamento sportivo, ferramenta, lavanderie e negozi per animali.
Le attività sportive di base si possono svolgere solo nei pressi della propria abitazione, dalle 5 alle 22, in forma individuale e all’aperto, mantenendo la distanza interpersonale di due metri dalle altre persone.
In tutti questi casi per muoversi sarà comunque necessaria l'autocertificazione

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento