Attualità Palmanova

Rischio di esclusione sociale: 10.500 euro di contributi per associazioni e istituzioni

Il sindaco di Palmanova, Francesco Martines, e l’assessore alle politiche sociali Giuseppe Tellini: “Un aiuto a chi si impegna nel sociale”

Dopo i contributi alle assocazioni sportive (pari a 17.950  euro) e a quelle culturali (26.300 euro), il Comune di Palmanova ha determinato, per l’anno 2020, la concessione di contributi a favore di associazioni e istituzioni sociali per iniziative a favore di soggetti a rischio di esclusione sociale. Il totale erogato è stato di 10.500 euro, suddiviso tra cinque realtà. Alla Parrocchia SS Redentore di Palmanova sono andati 6.500 euro, a Idea onlus 1.000 euro, al Banco Alimentare del Friuli Venezia Giulia sono destinati 1.500 euro, all’Associazione APS Palma la cifra di 1.000 euro e all’Associazione dei Club degli alcolisti in trattamento un contributo di 500 euro.

Abbiamo cercato di dare un concreto aiuto a chi si impegna nel sociale e chi, quotidianamente, viene in aiuto delle persone più deboli e bisognose. Oltre al servizio sociale dell’Ambito, che costantemente opera nel dare un supporto a chi, per questioni economiche o familiari, soffre delle situazioni di difficoltà, esiste anche una rete volontaristica attiva sul territorio”, commenta il Sindaco di Palmanova Francesco Martines assieme all’assessore alle politiche sociali Giuseppe Tellini. 

Che aggiungono: “L’amministrazione comunale palmarina è riuscita, anche in momento difficile, nonostante le ristrettezze dei bilanci comunali, a dedicare 54.750 euro per il tessuto associazionistico cittadino. Sulla passione, l’impegno, il lavoro dei volontari che animano le associazioni si regge un mondo fatto di eventi culturali e attività sportive, di momenti d’incontro e crescita, individuale e di comunità. Il Comune, per questo, ha il dovere di contribuire e sostenere questo mondo”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rischio di esclusione sociale: 10.500 euro di contributi per associazioni e istituzioni

UdineToday è in caricamento