Martedì, 27 Luglio 2021
Attualità

Aumentano i contagi in tutta Europa: come si viaggia e quali sono le restrizioni

L'Agenzia europea per il controllo a la prevenzione delle malattie (Ecdc) prevede un forte rimbalzo del numero di casi di Covid-19 nelle prossime settimane, con quasi cinque volte più casi giornalieri entro il primo agosto a causa della variante Delta e dell'allentamento delle restrizioni

L'Ecdc, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, prevede un'incidenza di oltre 420 nuovi casi ogni 100 mila abitanti per la settimana che termina il primo agosto contro i meno di 90 della scorsa settimana. Per la settimana che termina l'8 agosto, la sua proiezione più lontana, l'Ecdc prevede un'ulteriore progressione a oltre 620 nuovi casi ogni 100 mila abitanti. Sebbene queste proiezioni rimangano ipotesi epidemiologiche, il livello corrisponde a quello osservato durante i picchi dell'autunno 2020 e dell'aprile 2021.

I paesi a rischio

Secondo i dati Ecdc i paesi ad alto rischio contagio sono oggi - oltre i paesi iberici (Spagna e Portogallo) - l'Olanda e Cipro, Malta e il Lussemburgo. Per le prossime settimane si stima che anche Slovenia, Grecia e Danimarca possono registrare alti tassi di positivi mentre l'Italia dovrebbe arrivare nella prima settimana di agosto a registrare un'incidenza pari a 103 casi ogni 100mila abitanti superando tuttavia la capacità di tracciamento dei positivi già nell'ultima settimana di luglio. Il tasso di vaccinazione leggermente superiore alla media europea dovrebbe tuttavia contenere la rilevanza di casi gravi. Secondo i dati dell'Ecdc che punta il dito contro l'allentamento delle misure di contenimento, attualmente i contagi coinvolgono soprattutto i giovani tra i 15 e i 24 anni, con aumenti limitati nelle persone di età superiore ai 65 anni e il tasso di occupazione ospedaliera nel complesso rimane stabile. Tuttavia secondo le stime il numero di ricoveri e decessi dovrebbe aumentare meno rapidamente. Secondo l'Ecdc, grazie in particolare alla campagna di vaccinazione: il numero di decessi legati al Covid-19 dovrebbe superare ancora una volta la soglia di 10, contro i 6,8 della scorsa settimana. 

Le restrizioni

Si corre così ai ripari: la Germania ha dichiarato tutta la Grecia come area a rischio per il Covid-19, così come i Paesi Bassi e la Spagna. La decisione del Robert Koch Institute (Rki) implica che i tedeschi, in questo periodo soprattutto turisti, al rientro in patria dovranno presentare un tampone negativo per evitare la quarantena.

Intanto la Corte Superiore di Giustizia della Catalogna ha autorizzato la reintroduzione del coprifuoco notturno, tra l'una e le sei del mattino, proposto dalla Generalitat catalana per fermare la diffusione del coronavirus nell'area di Barcellona. La misura, che come riferisce il quotidiano spagnolo El Pais entra in vigore da questo fine settimana, riguarda 161 comuni, tra cui Barcellona, con un'incidenza di oltre 400 nuovi casi ogni 100 mila abitanti nell'ultima settimana. I nuovi contagi registrati in Catalogna sono il doppio della media spagnola. La regione è fra le più colpite d'Europa con oltre mille casi per 100 mila abitanti. Secondo l'ultima mappa pubblicata dal Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie (Ecdc) la ripresa dei contagi correlata alla diffusione della variante Delta è particolarmente evidente, oltre che in Spagna, anche nei Paesi Bassi, a Cipro e a Malta, che si tingono di rosso e rosso scuro sulla mappa settimanale sull'incidenza del Covid.La situazione è peggiorata in particolare in Spagna, che risulta interamente rossa con diverse aree (tra cui Catalogna, Castiglia e Leon) indicate in rosso scuro. I contagi sono aumentati anche nel sud della Francia, passato al giallo insieme a Irlanda, Belgio e alcune zone di Svezia, Finlandia e Danimarca.

Green pass 

Preoccupazione anche in Grecia dove le autorità sanitarie di Atene hanno annunciato 2.794 nuovi casi di coronavirus e 6 decessi nelle ultime 24 ore: introdotte nuove misure per i luoghi di intrattenimento all'aperto come bar e discoteche, qui i clienti dovranno mostrare un certificato che attesti l'avvenuta vaccinazione o la guarigione dalla malattia. Obbligatoria la vaccinazione anti Covid per i lavoratori del settore sanitario e delle case di riposo.

L'Italia si conferma invece tutta in verde anche se è aumenta l'incidenza settimanale a livello nazionale con evidenza di aumento dei casi diagnosticati in quasi tutte le Regioni ora riclassificate a rischio epidemico moderato. La trasmissibilità sui soli casi sintomatici aumenta rispetto alla settimana precedente, sebbene sotto la soglia epidemica, espressione di un aumento della circolazione virale principalmente in soggetti giovani e più frequentemente asintomatici. "È prioritario raggiungere una elevata copertura vaccinale - è l'invito dell'Iss - e il completamento dei cicli di vaccinazione in tutti gli eleggibili, con particolare riguardo alle persone a rischio di malattia grave, nonché per ridurre la circolazione virale e l'eventuale recrudescenza di casi sintomatici sostenuta da varianti emergenti con maggiore trasmissibilità".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aumentano i contagi in tutta Europa: come si viaggia e quali sono le restrizioni

UdineToday è in caricamento