Politica

L'opposizione scocciata dal mancato confronto lascia il consiglio comunale: è polemica

Ieri sera, lunedì 14 giugno, parte dell'opposizione in consiglio comunale a Udine ha lasciato l'aula per protesta al momento della discussione delle mozioni

Foto dal profilo Facebook della consigliera comunale Claudia Basaldella

Una foto che riprende parte di Sala Ajace, quella con le sedie occupate dall'opposizione però lasciate vuote. Così la consigliera leghista Claudia Basaldella punta il dito contro la minoranza che, durante il consiglio comunale di ieri lunedì 14 giugno, ha messo in atto una piccola ma significativa protesta lasciando l'aula nel momento della discussione delle mozioni.

«I consiglieri di minoranza ad una certa hanno preso e sono usciti dall'aula. Nel momento in cui si portavano avanti le mozioni, sono usciti tutti poi in cinque sono tornati: due mozioni non sono state trattate perché mancavano proprio i proponenti, che erano tra le persone che sono uscite», dichiara amareggiata la Basaldella. «A mio giudizio e mio avviso è una mancanza di rispetto verso l'istituzione, verso il proprio ruolo, verso il resto del consiglio e verso i cittadini».

«A me personalmente non è stato detto il perché l'hanno fatto, le troveranno loro le spiegazioni. Il consigliere Bertossi ha commentato il mio post dicendo che si trattava del nulla cosmico e anche questa l'ho trovata una mancanza di rispetto», conclude la consigliera.

La replica

«Siamo stati lì tre ore, prima di arrivare alle mozioni che, a quanto pare, servono alla maggioranza solo per farsi i post sui social. Mi chiedo perché, invece, alle interrogazioni che presentiamo da tempo non abbiamo mai risposta, a parte una urgente a cui erano obbligati. Come opposizione abbiamo presentato interrogazioni importanti sulle mense scolastiche, sulla Net e sui temi che riguardano la città, ma nessuno ci ha risposto: se si discutesse di queste cose, che sono il motivo dei consigli comunali, poi avremmo anche tempo da riservare alle mozioni». Non usa giri di parole il consigliere di Prima Udine Enrico Bertossi, per spiegare cos'è successo in consiglio comunale e il loro sentimento al momento della lettura delle mozioni.

«C'erano tre oggetti all'ordine del giorno: i primi due erano acquisizioni, che abbiamo sbrigato in pochi minuti. Poi c'è stata la discussione su CasaClima: il regolamento dell'edilizia è stato consegnato all'opposizione tre giorni prima della commissione, convocata dopo che era scaduto il termine per presentare gli emendamenti. Questo è il loro metodo di lavoro», continua Bertossi. «Il mio collega Marsico ha fatto notare che erano cose che succedevano anche con le precedenti amministrazioni, e quella volta all'opposizione c'era l'attuale maggioranza che si lamentava di continuo, e ora riescono a fare molto peggio, visto che una volta venivano concesse anche più sedute di commissione per parlare dei temi»

«Vorrei precisare che siamo tutti solidali sui temi delle mozioni, ma il consiglio comunale serve a discutere dei temi della città e se non si discute prima di quelli, non possono pretendere che stiamo lì quando sui punti rilevanti non c'è confronto. La Basaldella è disonesta a fare certi post: dovremmo cominciare a mettere noi le loro foto, per farci notare? Per fortuna non è un modo che ci appartiene», conclude Bertossi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'opposizione scocciata dal mancato confronto lascia il consiglio comunale: è polemica

UdineToday è in caricamento