menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mittelfest tocca le 20 mila presenze, nel 2015 il tema sarà 'Acqua'

Chiusa la 23.a edizionde della rassegna cividalese. Il bilancio tracciato dal presidente Federico Rossi e dall'assessore regionale alla cultura Gianni Torrenti

Sono state ventimila le presenze complessive, con un incremento tra il 10 e il 15% rispetto all'edizione del 2013, per la 23.ma edizione del Mittelfest di Cividale, il festival di prosa, musica, danza e marionette della Mitteleuropa, che si è chiuso ieri dopo nove giorni di spettacoli - oltre 50 -, per la direzione artistica di Franco Calabretto, affiancato da Rita Maffei per la prosa.

Un primo bilancio è stato tracciato a Cividale dai direttori artistici e dal presidente dell'associazione Mittelfest Federico Rossi, alla presenza dell'assessore alla Cultura della Regione Friuli Venezia Giulia Gianni Torrenti.

L'edizione 2014 ha superato tutti i record di incasso (piu' 20% rispetto all'anno scorso) e ha raddoppiato gli abbonamenti, anche grazie al prologo del 6 luglio con la Messa di Requiem di Verdi diretta da Riccardo Muti al sacrario di Redipuglia, con 8.000 spettatori, in occasione del centenario dello scoppio della Grande Guerra.

Mittelfest 2015 resterà incentrato sulla città ducale e tra i temi portanti dell'edizione ci sarà, come riportato dall'ANSA "l'acqua, declinata soprattutto come Mare Adriatico e apertura del festival verso il sud dell'Europa e il Mediterraneo, fermo restando l'interesse per le aree centrali e balcaniche del vecchio continente".

"Siamo soddisfatti perché abbiamo registrato un palpabile entusiasmo da parte di pubblico e critica - ha detto Calabretto -, i quali hanno riconosciuto la qualità delle proposte di musica, danza, e promosso il ritorno al festival del teatro di figura". Il pubblico, ha sottolineato il presidente Federico Rossi, "ha apprezzato anche che il festival sia tornato a svolgersi interamente a Cividale".

"Il Mittelfest ha risposto alle aspettative della Regione - ha detto Torrenti - ora si tratta di mantenere l'efficienza organizzativa che lo staff ha dimostrato nella gestione di un evento complesso come quello del Sacrario di Redipuglia, predisporre un programma con respiro ancora più transnazionale e promuovere il festival per tempo in Italia e all'estero come pacchetto attrattivo dal punto di vista turistico".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Anche la Croazia lancia le isole Covid free

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento