"Moriranno centinaia di imprese in una regione che ha il contagio sotto controllo"

Il presidente di Confartigianato Tilatti: «In poche ore ho ricevuto centinaia di chiamate. I servizi alla persona sono già molto attrezzati per le misure igieniche e di sicurezza. Fedriga si faccia interprete presso il Governo»

«Sconcerto per il cronoprogramma della Fase 2 anticipato dal premier Giuseppe Conte domenica 26 aprile. I servizi alla persona, un settore già molto attrezzato per le misure igieniche e di sicurezza, non può aspettare il 1° giugno per riaprire. Non concepibile neppure la data del 18 maggio per il riavvio di negozi e ristorazione. È un calendario che affossa le imprese».

Il presidente di Confartigianato Imprese Fvg, Graziano Tilatti, ha raccolto in queste ora «l’estrema preoccupazione delle nostre imprese interessate alle nuove scadenze per il fermo attività – spiega -, perché la progressività della Fase 2 illustrata dal presidente del Consiglio non sembra tener conto della capacità dei nostri imprenditori di mettere in atto tutte le misure di prevenzione anti Covid-19».

Inoltre, si impone un ulteriore fermo mentre le imprese sono ancora in attesa dei provvedimenti di sostegno nazionali: liquidità, rimborsi a fondo perduto, agevolazioni sugli affitti, cassa integrazione.Per Tilatti si è di fronte a misure «inconcepibili» anche  «rispetto a un territorio, quello del Friuli Venezia Giulia, in cui il contagio è sempre rimasto sotto controllo e i numeri della pandemia sono in calo, grazie all’efficiente gestione sanitaria della Regione e al virtuoso comportamento dei cittadini».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un «lockdown» prolungato «mette a definitivo repentaglio il nostro tessuto produttivo, in un contesto in cui una simile prospettiva non si giustifica dal punto di vista sanitario», afferma ancora con forza Tilatti. Confartigianato Fvg esprime solidarietà anche al comparto del commercio, l’ambito più penalizzato insieme ai servizi alla persona, e chiede al presidente della Regione, Massimiliano Fedriga, «di salvare le imprese che sono state messe davanti ad ancora un mese di fermo, facendo pressing sul Governo affinché riveda la sua agenda. Le indicazioni della scienza – conclude Tilatti – devono essere commisurate al contesto. Il Friuli Venezia Giulia, numeri Covid-19 alla mano, non si merita simili misure».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il ristorante non vuole chiudere e garantisce posti letto a prezzi stracciati

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Coronavirus, 334 contagi e tre morti: c'è anche una donna di 41 anni

  • Coronavirus, positivi alla Quiete, in ospedale a Palmanova, Udine e San Daniele

  • Fedriga e l'allarme Dpcm: "Spariranno migliaia di attività economiche"

  • Caffè, brioche, aperitivo e pizza tutto sullo stesso tavolo: la singolare protesta di un ristoratore udinese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento