menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Uno dei gatti dell'Oasi Felina di Cercivento

Uno dei gatti dell'Oasi Felina di Cercivento

Prima va a fuoco, poi si scopre che il terreno su cui sorge è a rischio idrogeologico: la maledizione dell'Oasi Felina

Il terreno su cui è stata creata l'Oasi Felina di Cercivento è a forte rischio idrogeologico: il Comune non può rinnovare il comodato e i mici dovranno trovare un'altra casa

È passato quasi un anno da quando l'oasi felina di Cercivento era andata a fuoco, con la morte di tre mici e la distruzione di parte della struttura. Ora, quel luogo nato per prendersi cura dei gatti abbandonati rischia di non esistere più.

Tre gatti bruciati vivi nella colonia felina di Paluzza

A quanto pare il Comune di Cercivento non può rinnovare il comodato del terreno dove sorge l'oasi e così la struttura dovrà essere smantellata. La comunicazione arriva direttamente dalla pagina Facebook dell'Oasi.

Cari amici questo è il post che non avrei mai voluto scrivere, e sono giorni che penso a come farlo. 
Non ci sono molti modi per dirlo, per cui lo dirò in modo semplice: il comune di Cercivento non può rinnovarci il comodato del terreno a causa del piano regolatore, che classifica la zona dell'oasi come "p3" cioè ad alto rischio idrogeologico.
Noi lo sappiamo già da un po ma speravamo di dirvelo una volta trovata una soluzione insieme al comune. Abbiamo purtroppo saputo che non riescono ad aiutarci, siamo quindi su un terreno dove non possiamo restare. 
Dopo questa notizia abbiamo provato a cercare noi un terreno da acquistare per ricostruire da un altra parte ma anche questo tentativo per adesso non ha dato risultati...

Gli ultimi

Immagino che alcuni di voi si stessero anche chiedendo perché non si sia mai vista la casetta dedicata ai mici fiv positivi, la risposta è che ci hanno fermato i lavori e la casetta è rimasta in piedi si ma senza il tetto (foto nei commenti). Al momento è coperta da un telo sperando che non si rovini perché ci è stato impossibile smontarla. La rabbia e il dispiacere per tutta questa storia sono indicibili, noi non incolpiamo nessuno ma rimane il fatto che gli animali sono sempre gli ultimi tra gli ultimi e nessuno tende loro una mano, perché vi sono sempre questioni più importanti per le istituzioni...

La richiesta

Stiamo cercando un terreno pianeggiante, esposto al sole, di almeno 1500 metri quadrati tra i comuni di paluzza sutrio cercivento e arta terme. Deve essere almeno a 200 metri dal centro abitato e raggiungibile almeno dalla corrente elettrica in modo da ottemperare le norme di legge. Sicuramente avrete tante domande e vi risponderò per quanto so, su questa spinosa faccenda. Siamo avvilitissimi e avremmo voluto dirvelo avendo già pronta una nuova locazione e con la gioia di spostare i mici in un posto migliore, purtroppo non è stato così.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, quasi 700 contagi e 26 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento