Fabio Zuccheri: disposti autopsia e accertamenti sulle cartelle cliniche

Passaggi obbligati per saperne qualcosa di più sulla dolorosa vicenda che ha coinvolto il giovane portiere. L'anno scorso aveva fatto le visite mediche quando giocava nel Vado, in Liguria

Fabio Zuccheri

La morte di Fabio Zuccheri, giovane calciatore che aveva iniziato la preparazione estiva con il Sevegliano, è probabilmente legata a un infarto - come già accaduto diverse volte nella sua famiglia -, ma per fare chiarezza sula vicenda sarà necessaria l’autopsia, disposta dalla Procura di Udine. Il pm di turno ha deciso anche l’esecuzione di accertamenti sulle cartelle cliniche, sulla documentazione sanitaria e sulle visite mediche sportive del giovane, eseguite lo scorso anno al Vado - in Liguria -, dove il ragazzo aveva iniziato la stagione prima di svincolarsi e passare all’Ufm di Monfalcone. La Procura non ha escluso la possibilità di effettuare iscrizioni nominative nel registro degli indagati, come sempre avviene in questi casi, per consentire tutti gli accertamenti necessari al corretto svolgimento delle indagini e a capire tutto il possibile su questa triste vicenda.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo a terra in viale Volontari della Libertà

  • Impresa edile ha lavori fino ad aprile 2020 ma non trova operai: «Rischiamo di chiudere tutto»

  • Confonde l'acceleratore col freno e tampona cinque auto

  • Morto folgorato al primo giorno di lavoro, si va al processo

  • FOTONOTIZIA Auto ribaltata in tangenziale

  • Schianto nella notte, muore a 39 anni

Torna su
UdineToday è in caricamento