Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Lettera civica dal Friuli a Papa Francesco: «In Egitto ricordi Giulio, nel nome di San Marco!»

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Procedendo dal mito storico secondo il quale l'evangelista Marco sarebbe approdato al martirio in Egitto dopo aver portato il verbo cristiano proprio nelle terre di Giulio Regeni, verbo di speranza innanzitutto per gli ultimi e d'integrità morale che l'antico Patriarcato di Aquileia ebbe a diffondere in tutta l'Europa Centrale romana, tra Danubio e Adriatico, martedì 25 aprile 2017, festa di San Marco a quindici mesi dalla tragedia del probo ricercatore friulano massacrato in un Paese dei Faraoni in preda a conclamata tirannide e prossima meta di Papa Francesco, da Udine, ultima sede di quella gloriosa istituzione "marciana", il Movimento Civico Culturale Alpino-Adriatico "Fogolâr Civic" e il Circolo Universitario Friulano "Academie dal Friûl" hanno sottoscritto una lettera aperta al Pontefice romano sollecitando una presa di posizione specifica della Santa Sede, autorità morale internazionale, sul caso del giovane martire laico di Fiumicello. A seguire il testo dell'appello, bilingue, in friulano e italiano, recante le firme del presidente dei due sodalizi, prof. Alberto Travain, e dei collaboratori Sergio Bertini, Manuela Bondio, Renata Capria D'Aronco, Marisa Celotti, Milvia Cuttini, Carlo Alberto Lenoci, Luigina Pinzano, Maria Luisa Ranzato, Mirella Valzacchi e Gianna Zuccolo. (Versione in lingua friulana) "LETARE VIERTE PAR PAPE CHECO in cont de sô visite jù pal Egjit bagnât dal eroic sanc dal onest furlan Giulio Regeni. / Udin (Friûl), ai 25 di Avrîl 2017 / Sant Marc, lidrîs des Glesiis di Aquilee e Alessandrie di Egjit. / Pari Sant, no nô, ma l'Evangjelist Marc, patriarcje martar jù pal Egjit dopo stât in Friûl a pastanâ la Glesie mari de Mittel-Europe in chel agri di Aquilee, scune dal nestri Giulio Regeni: o volìn dabon crodi che al sedi lui biadelore a soflâ il Vatican pûr in tart a dî fûr alc in cont dal secolâr martueri di chel zovin ricercjadôr furlan, testemoni fin tal ultin di une libertât a servizi de veretât e de civiltât, strafuît, martoriât e copât che a son cuindis mês cumò in chê Tiere dai Faraons che e je sot palese talpe di tirans. Almancul cumò, che la Sô Mission Lu menarà jù in chel Egjit bagnât mighe nome dal sanc inocent di tante sô int ma ancje di chel di un just fi de Mari Aquilee, che la sô bandiere di unitât dai popui e di fedeltât a sacrosants principis Lui le à benedide in Place Sant Pieri, ai 15 di Zenâr 2014, in mans dal vieli nestri capelan sociâl, pre Tarcisio Bordignon. Almancul cumò, almancul Lui, Santitât, biadelore che Al disi une peraule clare par definî une tragjedie che no dome e à ufindût un nestri paisan meritori e la sô famee ma ancje ben il miôr popul de nestre tiere e di dutis dôs lis rivis mediteraniis. Cun bielis sperancis" // (Versione in lingua italiana) "LETTERA APERTA A PAPA FRANCESCO in occasione della sua visita in un Egitto bagnato dal sangue eroico del probo friulano Giulio Regeni. / Udine (Friuli), 25 aprile 2017 / San Marco , matrice delle Chiese di Aquileia e Alessandria d'Egitto. / Santo Padre, non noi, ma Marco l'Evangelista, patriarca martire in Egitto dopo avere lasciato il Friuli fondandovi la Chiesa matrice della Mitteleuropa in quello stesso agro aquileiese, culla del nostro Giulio Regeni: vogliamo credere che sia proprio Lui finalmente a ispirare alla Santa Sede una pur tarda ma esplicita posizione in ordine al laico martirio del giovane ricercatore friulano, testimone estremo di libertà al servizio della verità e della civiltà, rapito, torturato e ucciso quindici mesi or sono in un Paese dei Faraoni in preda a conclamata tirannide. Almeno ora, che il Suo Apostolato La porterà a calcare una terra d'Egitto bagnata non solamente dal sangue innocente di tanto suo popolo ma anche da quello di un probo figlio della Madre Aquileia, la cui bandiera di unità delle genti e di fedeltà a sacrosanti valori Lei ha benedetto in Piazza San Pietro, il 15 gennaio 2014, nelle mani dell'anziano nostro cappellano sociale, don Tarcisio Bordignon. Almeno ora, Santità, almeno Lei, spenda una parola finalmente chiara per definire una tragedia che ha offeso non soltanto un nostro lodevole compatriota e la sua famiglia ma il migliore popolo della nostra terra e di entrambe le sponde del Mediterraneo. Con speranzosi voti". In capo alla lettera, campeggiante, l'effigie di Regeni emergente da uno sfondo tratto da un antico affresco udinese celebrante le proverbiali virtù di tenacia e di resistenza delle genti friulane.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lettera civica dal Friuli a Papa Francesco: «In Egitto ricordi Giulio, nel nome di San Marco!»

UdineToday è in caricamento