L'albergo del ritiro dell'Udinese replica alle accuse di Jankto

La replica esclusiva della referente dell'hotel 4 stelle "Executive" di viale Palmanova, Gianna Unfer, alle gravi affermazioni del centrocampista ceco

Alcune immagini dell'Hotel Executive di Viale Palmanova

«Non era per nulla un albergo di lusso, eravamo nel peggior albergo di Udine, dove anche i bagni erano sporchi. Era una punizione, ma ci dicevano che questa condizione doveva rinforzare lo spirito di squadra». Così si è espresso Jakub Jankto sull'albergo che ha ospitato il ritiro dell'Udinese negli ultimi mesi, l'hotel Executive di viale Palmanova, che ha voluto replicare alle accuse del giocatore bianconero con  una lettera che pubblichiamo.

Jankto: «Trattati come schiavi»

La scrivente amministrazione dell’Executive Hotel desidera precisare quanto segue:

preme innanzitutto smentire ogni aspetto calunnioso e fantasioso contenuto nella suddetta dichiarazione, con particolare riferimento alle illazioni sull'igiene. A riprova della inattendibilità di queste affermazioni si sottolinea come il nostro albergo sia da anni punto di riferimento per le società calcistiche, non solo locali, ma anche provenienti da altre regioni. Durante la stagione appena conclusa abbiamo ospitato le squadre Primavera di importanti club quali Lazio, Fiorentina, Roma ecc., nonché diverse squadre di serie A femminile come Juventus e Sassuolo. Quanto sopra per dimostrare una volta di più che la nostra struttura viene da tempo scelta e confermata da una vasta e qualificata clientela proprio per l'eccellenza e la puntualità nei servizi prestati (a meno di non voler postulare che tutte le società calcistiche sopra menzionate adottino le risibili finalità punitive di cui alla apodittica dichiarazione del sig. Jankto).

Tutto quanto sopra precisato, la scrivente, anche in ragione degli ottimi rapporti che intrattiene da anni con l'Udinese Calcio attende (e chiederà) una pronta presa di posizione anche della stessa Società sulla sopra riportata dichiarazione.

In ogni caso, stante la gravità, la falsità nonchè la gratuità ed estrema superficialità delle dichiarazioni sopra esposte, siamo a specificare che ci riserviamo fin d'ora di quantificare i danni arrecati alla struttura dal sig. Jankto e, pertanto, di perseguire e vedere riconosciuti i nostri diritti, non ultimo quello al buon nome ed alla onorabilità di tutti i dipendenti, in ogni sede giudiziaria.
 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dà fuoco al marito cospargendolo di benzina, è madre di due ragazzi udinesi

  • Delitto Orlando, Mazzega si è suicidato

  • Schianto mortale sulla Ferrata, perde la vita a soli 22 anni

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Terrore in pasticceria, i clienti si nascondono in bagno

  • Lorenzo, una vita spezzata a soli 22 anni

Torna su
UdineToday è in caricamento