Mortale a San Rocco, un testimone: «Una seconda auto ha tagliato la strada alla moto»

Il racconto di una persona che ha visto in tempo reale l'incidente nel quale ha perso la vita Gianluca De Vettor

Gianluca De Vettor e l'incrocio tra via della Valle, via San Rocco e via Nervesa

«La persona che è finita a terra con la moto non è caduta da sola, gli è stata tagliata la strada. Non dall’auto che usciva da via della Valle, ma da una che arrivava da via Nervesa». La rivelazione potrebbe aiutare a fare luce sugli aspetti poco chiari dell’incidente che ha coinvolto Gianluca De Vettor nel pomeriggio di ieri in via San Rocco. Il 49enne di Rive d’Arcano è successivamente morto in ospedale a causa delle ferite rimediate

I particolari

Il racconto arriva da un testimone diretto della scena, che non ha lesinato particolari. «La mia attenzione è stata attirata dal rumore della frenata del motociclista, e quindi la scena l’ho vista in maniera nitida. Una Toyota di colore rosso stava mettendo il muso in via San Rocco immettendosi da via Nervesa e la manovra ha fatto chiaramente sbandare il centauro (che poi è andato a sbattere contro il muro perimetrale dello stabile sulla sinistra, dove c’è l’edicola ndr). Non ho capito se lo ha toccato, sarei più portato per dire di no, ma quel movimento ha condizionato pesantemente la traiettoria della moto».

L'incrocio in questione visto dall'alto, con la freccia che indica il senso di marcia della moto

via.sanrocco-2

La dinamica

La versione, avendo certezza che De Vettor stesse percorrendo la strada in direzione di via Gabelli, attribuisce un senso alla dinamica del sinistro. Difficile infatti pensare, come inizialmente si è fatto, che potesse essere stata l’auto in uscita da via della Valle ad aver condizionato la traiettoria della due ruote. Fosse andata così è ragionevole supporre che la moto avrebbe finito la sua corsa sul suo lato destro rispetto al senso di marcia, e non - come invece è accaduto - sulla sinistra. 

Gli sviluppi

Sempre secondo il racconto del testimone il conducente della Toyota si sarebbe affrettato a spostare la sua auto, parcheggiandola lungo via della Valle. Tutti questi elementi - secondo quanto ci è stato da lui riferito - saranno oggetto di una deposizione volontaria ai carabinieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si getta nelle acque gelide del canale per salvare il suo labrador, è la compagna di mister Gotti

  • Scuole chiuse, niente eventi sportivi, musei e messe per una settimana: Friuli pronto a fermarsi completamente

  • Coronavirus, altri 10 casi sospetti in Fvg. L'appello della Regione, se temete il contagio chiamate il 112

  • Pagati per stare a letto 60 giorni a pochi chilometri dal Friuli, si cercano volontari

  • Coronavirus, tutto quello che chiude fino al primo marzo

  • Camminano per strada rientrando in albergo e gli arriva un secchio di urina in testa

Torna su
UdineToday è in caricamento