menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Muore dopo settimane che chiede di essere operato, aperta un'inchiesta

L'urgenza fu probabilmente sottovalutata dai medici dell'Ospedale di Tolmezzo. Indagine della Procura di Udine

Gli fu negato l'intervento per ben tre volte e, beffa delle beffe, la comunicazione dell'appuntamento per l'operazione da effettuarsi presso l'ospedale di Tolmezzo, fu fatta poche ore dopo la sua morte.
Il procuratore capo della Procura di Udine, Antonio De Nicolo, ha avviato così un'indagine per capire se ci siano responsabilità su quanto accaduto a Graziano Perotti, 76 enne di Tarvisio che da Natale aveva lamentato atroci dolori alle gambe, chiedendo di essere ricoverato presso il nosocomio tolmezzino. Tutte e tre le volte in cui si era recato presso l'Ospedale per chiedere aiuto, fu rispedito a casa in attesa che gli fosse fissata l'operazione chirurgica. 

Nessuna denuncia da parte della moglie, Dantina Liva, che aveva già dichiarato di non voler ritardare la sepoltura del suo caro, ma la Procura, venuta a conoscenza della notizia attraverso i media, ha deciso di aprire un fascicolo, parallelamente all'indagine interna scattata all'interno dell'Ospedale.  

L'ospedale lo chiama per fissare l'operazione chiesta a Natale, lo trovano già morto

ospedale di tolmezzo-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento