DM Elektron, fino a maggio 2019 tutti i lavoratori al loro posto

L'assessore regionale al lavoro Alessia Rosolen: «Un primo passo incoraggiante - commenta l'assessore Fvg al Lavoro, Alessia Rosolen - che va accolto con soddisfazione»

DM Elektron continuerà a lavorare con tutti gli effettivi, per ora fino al 31 maggio 2019. Il risultato è emerso in seguito all'incontro sul futuro della fabbrica bujese tenutosi ieri a Trieste, nella sede della Regione. Facendo seguito all'esplicita richiesta formulata dal governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, la proprietà ha infatti reso noto oggi, con una comunicazione indirizzata alla Presidenza e alla direzione regionale competente, i propri piani di produzione per il sito fino alla data indicata.

Il titolare: scene indecenti, dipendenti strumentalizzati

«Si tratta di un primo passo incoraggiante - commenta l'assessore Fvg al Lavoro, Alessia Rosolen - che va accolto con soddisfazione. Naturalmente, tutti i soggetti interessati dovranno collaborare nei prossimi mesi per garantire la continuità produttiva e occupazionale dello stabilimento di Buja. Auspico pertanto che, a fronte di quanto comunicato dall'impresa, anche i lavoratori - invita Rosolen - valutino positivamente il segnale pervenuto con il ripristino delle condizioni ordinarie di produzione». 

Le preoccupazioni di dipendenti e sindacati

«La Regione - sottolinea infine l'assessore - continuerà a fare la sua parte, accompagnando il confronto tra azienda e lavoratori
nella prospettiva di estendere le garanzie rese anche al periodo successivo al 31 maggio 2019, quando diventerà operativo il nuovo
piano industriale».


 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Impresa edile ha lavori fino ad aprile 2020 ma non trova operai: «Rischiamo di chiudere tutto»

  • Confonde l'acceleratore col freno e tampona cinque auto

  • Morto folgorato al primo giorno di lavoro, si va al processo

  • FOTONOTIZIA Auto ribaltata in tangenziale

  • Distruggono la piscina di Feletto, danni per oltre 50mila euro

  • È ritornato il giustiziere delle piste ciclabili, avvistato oggi a rigare le auto parcheggiate

Torna su
UdineToday è in caricamento