Il tesoro nascosto della cupola del Tempio Ossario di Udine, luogo bellissimo e inaccessibile ai cittadini

In cima a San Nicolò Vescovo al Tempio Ossario si gode di una vista a 360° sul Friuli

Se ci era riuscito Simone Coloierà, nickname @giotto_arrosto, ci si chiede perché la “scalata” sulla cupola del tempio ossario di Udine non sia possibile al resto della cittadinanza.

L'impresa sul tetto di Udine 

Ve la ricordate l’impresa di quel giovane che nel maggio del 2017 si fece fotografare in cima alla bella cupola della chiesa di San Nicolò Vescovo al Tempio Ossario? Il mistero di come sia riuscito non solo ad entrare, ma persino ad arrivare in cima alla cupola, è rimasto tale.

L'accesso alla cupola

Eppure l’accesso c’è e porta dritto dritto sul tetto di Udine. Praticamente è il “cupolone” nostrano, con una vista a 360° sul Friuli. A nord le Alpi, prima di vedere le quali gli occhi si imbattono sulla morbidezza delle colline moreniche, a sud lo sguardo che si spinge verso la costa. A est ed ovest la città che lascia spazio alla periferia.

Un tesoro nascosto di Udine

Uno spettacolo unico, che in molti si chiedono perché agli udinesi (e non solo) sia negato. Ma non è finita qui. Sotto la cupola della chiesa, infatti, trova spazio un corridoio circolare che segue la circonferenza della cupola stessa e che, data la suggestione della sua ubicazione e della sua forma, sarebbe perfetto per esposizioni che arricchirebbero non poco l’offerta artistica del capoluogo friulano. Ora, lungo questo corridoio illuminato da alcune finestrelle che offrono una vista privilegiata sulla città, trovano posto solo i pezzi impolverati di alcuni monumenti esposti in occasione della storica visita del 20 settembre 1938 di Mussolini a Udine.

L'idea di restauro

Lo stesso personale di vigilanza del Ministero della Difesa, a presidio dell’ossario sotto la chiesa, racconta che uno spiraglio si era aperto con l’interesse della Soprintendenza per i beni culturali, visto che c’è anche già un ascensore pronto a facilitare la salita. Ma è da un po’ che nessuno si fa vivo e di sicuro i costi per il restauro non sono bassi.

Interesse culturale ed economico

Un pensiero sul ritorno economico e culturale che un’opera di questo tipo avrebbe sulla città, però, è d’obbligo farlo. Immaginatevi di salire queste scalette che si trovano nel cuore di una delle più grandi e celebri chiese della città e poi, d’un tratto, ritrovarvi più in alto di tutti i palazzi intorno a voi e, allungando lo sguardo in ogni direzione, ritrovare sotto di voi tutto il Friuli. Sarebbe non solo un motivo in più per far accorrere moltissimi udinesi che nella chiesa di San Nicolò Vescovo al Tempio Ossario, pur così ricca di storia, non hanno mai messo piede, ma anche per attirare molti turisti di passaggio in città. Il sasso è lanciato, ora bisogna solo capire chi tra amministrazione comunale, curia, Soprintendenza, investitori privati o tutti questi soggetti insieme, lo può raccogliere.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cede un pezzo di autostrada, A4 chiusa tra Porto e Latisana

  • Operaio trovato morto in casa a soli 42 anni

  • Provoca i giocatori dell'Udinese, scatta il parapiglia e poi scappa

  • Autovelox verso Lignano senza pietà, multa per un chilometro oltre il limite

  • Scontro in A4, 23enne udinese incastrato nell'abitacolo di un'auto

  • Come lavare i vetri di casa senza lasciare aloni

Torna su
UdineToday è in caricamento