Anarchia in discoteca a Lignano, giovani senza mascherina né distanziamento

La situazione di questa notte immortalata dall'obbiettivo di un nostro lettore, mentre sul piano nazionale alcune regioni hanno già attivato un nuovo "Lockdown della movida"

Asembramenti e mancato rispetto delle norme anti-Covid. La segnalazione giunge alla nostra redazione da un lettore che riferisce di quanto accaduto a Lignano Pineta. Gli scatti sono della notte tra sabato 15 agosto e domenica 16 agosto. Sono circa le 3 del mattino, riferisce il nostro lettore, e non vi è alcun distanziamento, né alcun uso dei dispositivi di protezione. È, secondo quanto riferito, una situazione che si ripete da settimane. Una situazione, quella degli assembramenti nelle discoteche, che non è un caso isolato e che ora potrebbe vedere una fine.

Ferragosto a Lignano: bagnasciuga invaso dai bagnanti

La situazione nazionale

In Emilia Romagna e Veneto la stretta sulle discoteche è già arrivata con restrizioni sulla capienza (50%) e norme ferree sui distanziamenti e l'uso di dei dispositivi protettivi, ma non si esclude un'azione di più ampia portata sul territorio nazionale. In Calabria blocco totale delle discoteche. Troppo alto il rischio di nuovi contagi. Alle recenti chiusure fa eco anche il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, in un'intervista pubblicata su Repubblica. "Serve una regia nazionale – ha detto la titolare del Viminale – e quanto prima verrà fatta una conferenza Stato-Regioni per arrivare a delle linee guida".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'accusa: nessun rispetto delle norme anti Covid

La ministra Teresa Bellanova

"Si è avuta molta più attenzione ad aprire le discoteche a giugno che ad altro. Questa per noi è una scelta non accettabile – ha dichiarato la responsabile del ministero per le Politiche agricole –. Non abbiamo nulla contro le discoteche, ma se hai chiesto a un Paese di stare chiuso in casa, se hai chiuso le aziende, speso miliardi e miliardi per pagare la cassa integrazione alle persone per non lavorare, poi non puoi per pura propaganda, per rispondere a qualche lobby che ti sta vicina, riaprire le discoteche e infischiartene delle ricadute che avrà questa scelta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Covid 19: quattordicenne ricoverato a Udine in Medicina d'urgenza

  • Covid: C'è una vittima ed è boom di contagi, in Fvg oggi sono 219 i nuovi positivi

  • Coronavirus, 334 contagi e tre morti: c'è anche una donna di 41 anni

  • Coronavirus, positivi alla Quiete, in ospedale a Palmanova, Udine e San Daniele

  • Il ristorante non vuole chiudere e garantisce posti letto a prezzi stracciati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento