Tutti gli alimenti alternativi al caffè

Ecco nove alimenti da poter mangiare per sconfiggere la sonnolenza al posto di bere uno o più caffè

@ Immagine tratta da vivalamamma.tgcom24.it

Un colpo di sonno può arrivare in qualsiasi momento della giornata: a lavoro, mentre si studia o in tragitto verso casa. Per ovviare a questo problema, molto spesso di ricorre alla classica tazza di caffè, che aiuta a diminuire la sonnolenza. Per combattere questo problema, però, ci sono altri alimenti ugualmente efficaci, ma più sani e meno irritanti per la stomaco. Quali sono?

Yerba Mate

Sebbene questa bevanda di origine sud americana contenga un quantitativo di caffeina quasi pari a quello contenuto nel caffè, risulta essere molto meno acida e forte, oltre ad avere un piacevole retrogusto al sapore di noci. È, inoltre, salutare, ricca di antiossidanti, vitamine e minerali, come potassio e zinco.

Colazione a base di fibre

Diversi studi hanno provato che una buona colazione aiuta a sentirsi più svegli ed energici fin da subito. Le fibre, inoltre, hanno un forte potere saziante e la capacità di lasciare l’organismo leggero e in salute. Introdurre giornalmente una giusta quantità di fibre, già a partire dalla colazione, aiuta a contrastare i problemi digestivi, tenere sotto controllo il colesterolo cattivo e regolare il livello di zuccheri nel sangue.

Drink a basso contenuto di zucchero

Lo sbaglio è fare affidamento sulle bevande zuccherate per aumentare il tuo livello di energia. Indipendentemente dal fatto che siano con o senza caffeina, infatti, nel lungo periodo le bevande ricche di zuccheri riducono l’attenzione e la concentrazione. In alternativa, si possono preparare una tisana o del . Spesso, infatti, la disidratazione è tra le cause principali di stanchezza, quindi bisogna ricordarsi di bere molto durante tutto l’arco della giornata.

Snack al magnesio

Se ci si sente sempre stanco, si potrebbe avere una carenza di magnesio. Anche se lieve, un’insufficienza di magnesio può rendere le semplici attività quotidiane più difficili. Bisogna assicurarsi, quindi, di soddisfare il quotidiano fabbisogno di magnesio facendo ogni giorno spuntini a base di mandorle, nocciole o anacardi.

La frutta

Secondo uno studio del 2012 pubblicato sulla rivista Plos One, le banane sono in grado di dare energia e migliorare le prestazioni fisiche in misura maggiore rispetto al caffè. Perciò, si può portarne qualcuna a lavoro ogni giorno come rimedio naturale a quella sensazione di pesantezza che spesso si fa sentire a metà mattinata. Un effetto simile è dato dalle pere.

Il pesce e le patate

Il pesce è un vero toccasana per il cervello: salmone e altri pesci grassi dei mari freddi contengono al loro interno grandi quantità di grassi Omega-3 DHA. Il 70 per cento dei grassi presenti nel cervello è composto proprio da Omega-3 DHA, capaci di rallentarne l’invecchiamento e migliorare la memoria, e il cui apporto è dato esclusivamente dalla dieta: diventa, quindi, fondamentale consumare regolarmente  alimenti che ne sono ricchi. Le patate, invece, in quanto ricche di vitamina B6, forniscono l’energia di cui il cervello ha bisogno per evitare fastidiosi cali di prestazione.

Gomma sugar-free

Se si è assonnati, basta masticare una chewing gum. Più di uno studio, infatti, ha dimostrato che la gomma da masticare aumenta la vigilanza, e potrebbe persino migliorare le prestazioni mentali. Alcune gomme, però, contengono ingredienti di origine animale, come la gelatina, l'acido stearico e la glicerina.

Cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è uno spuntino ideale: uno studio ha suggerito che i flavonoidi del cacao possono migliorare l'umore e le capacità cognitive. Il cioccolato fondente (con almeno il 60 per cento di cacao), apporta, inoltre, rame, zinco e altri oligoelementi utili per il sistema nervoso, favorisce la produzione di serotonina e è stato persino definito dai ricercatori un vero e proprio stimolante.

Olio essenziale di limone

L’aromaterapia può rivelarsi una delle soluzioni da adottare. Uno studio ha confrontato il modo in cui l'odore di acqua senza profumo, l'olio essenziale di lavanda e l'olio essenziale di limone influissero sui livelli di energia. Il limone ha dominato il confronto, rivelandosi capace di risollevare lo stato d'animo e riattivare l’organismo. In Giappone, questa sua capacità di stimolare concentrazione e memoria è già ampiamente conosciuta, tanto che l’olio essenziale di limone viene spesso diffuso attraverso i sistemi di areazione degli uffici. Inoltre, sembra molto efficace per stimolare la mente mentre placa le emozioni: annusare l’olio essenziale di limone potrebbe quindi rivelarsi utile quando si prendono decisioni importanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Minorenne al volante per un giro con sette amici si schianta e muore a 15 anni

  • Chi era Daniele Burelli: aveva una passione profonda per le auto e i motori

  • Incidente all'alba, muore una mamma mentre accompagna la figlia a scuola

  • Taylor Mega ubriaca in diretta tv: "sono friulana, l'alcol dovrei reggerlo"

  • "Non fate il suo stesso errore", così la famiglia Burelli ricorda il ragazzo e lancia un appello

  • Incidente mortale in piazzale D'Annunzio, perde la vita una donna

Torna su
UdineToday è in caricamento