Salute

Contagi nelle case di riposo, Liguori (cittadini): “Più infermieri di comunità e medici-sentinella"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Crescono i positivi nelle case di riposo, la consigliera regionale Simona Liguori (Cittadini), intervenuta in Aula nell’ambito della discussione del DDL 111, “Misure finanziarie intersettoriali”, chiede un’azione rapida e strutturata all’Amministrazione regionale con il potenziamento delle Unità speciali di continuità assistenziale (Usca), i “medici sentinella” sul territorio che garantiscono le cure ai pazienti Covid-19 che non necessitano di ricovero. Secondo Liguori “la dotazione così come indicata nel piano di assistenza territoriale a settembre – 18 Usca nelle tre aree vaste della regione – non sarà sufficiente per dare supporto a chi lavora nelle strutture per anziani e ai medici di famiglia. La Regione implementi da subito quei numeri per allentare la pressione sugli Ospedali”. Lo stesso discorso vale per gli infermieri di comunità. “Si proceda con l’assunzione a tempo indeterminato di questi professionisti per rafforzare l’assistenza sui territori alle persone fragili e con malattie croniche” conclude la consigliera.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contagi nelle case di riposo, Liguori (cittadini): “Più infermieri di comunità e medici-sentinella"

UdineToday è in caricamento