Zilli (Lega Nord): "Sulla riforma Enti Locali, Serracchiani usa il Fvg come cavia"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

"Quello sulla riforma degli Enti locali è un dibattito surreale: il testo cambia ogni 5 minuti sotto un diluvio di correzioni e rettifiche, manca un'idea di base e le richieste del territorio non sono state prese minimamente in considerazione. Una riforma di questa portata dovrebbe essere inserita in una legge quadro, completa e organica. I nostri Comuni chiedono federazioni tra territori per favorire un'autonomia organizzativa responsabile, e non una leggina che rende i sindaci semplici vassalli della Giunta regionale e di qualche burocrate. Resta una certezza: Serracchiani usa il Friuli Venezia Giulia come cavia e accelera i tempi oltre ogni limite di ragionevolezza. Il Pd vuole approvare una riforma che esautora i Comuni, ricatta i territori, schiaffeggia i cittadini e sconfessa la storia di questa regione. Però Serracchiani potrà rivendicare il merito di essere arrivata prima di Renzi e Delrio".

Così Barbara Zilli, nell'esprimere un giudizio "inevitabilmente critico e negativo rispetto a un pasticcio colossale che la Giunta si ostina a chiamare riforma. Serracchiani - chiude Zilli - sta mercanteggiando una regione per fare carriera a Roma. Sente aria di elezioni politiche? Cerca disperatamente di non perdere il volo per il Consiglio dei ministri? Attendiamoci settimane di slogan, millanterie e pasticci normativi spacciati come riforme epocali".

I più letti
Torna su
UdineToday è in caricamento