Venanzi e Pirone: "Dopo un anno di Fontanini siamo ancora agli annunci"

I capo gruppo del Partito democratico e di Progetto innovare commentano quanto dichiarato da sindaco e assessori in occasione del bilancio della giunta a un anno dal suo insediamento

«Un conto è vincere le elezioni con le promesse roboanti, altro è governare e dover continuare a giustificarsi con le chiacchiere: a distanza di un anno siamo ancora ai titoli degli annunci e dei “faremo” e “vedremo”.». Lo affermano i capo gruppo del Pd, Alessandro Venanzi e di Progetto Innovare, Federico Pirone, a commento della conferenza stampa di Fontanini e della sua giunta a distanza di un anno dal loro insediamento.

Slogan elettorali

I due consiglieri snocciolano alcuni asempi di quella che secondo loro non è un'amministrazione che ha prodotto dei risultati. «La conferenza stampa è più un'analisi da futuro programma elettorale visto che di cose fatte, oltre all’aumento della Tari del 4%, – afferma Venanzi - non ce ne sono. Si continua a mentire consapevolmente sui numeri dei richiedenti asilo che ad oggi sono 683, quasi tre volte il numero stabilito per legge e più volte annunciato da Fontanini.».

Numeri, non chiacchiere

«Per fortuna i numeri non posso essere smentiti dalle chiacchiere. Di certo, perché scritto nel documento di bilancio, oltre alla Tari, c'è un aumento ingiustificato per i prossimi anni delle tasse a cominciare dall'Irpef che – insiste Pirone - graverà sulle tasche dei cittadini e delle famiglie. Altra roboante promessa smentita dai numeri: dove sono i 40 nuovi vigili annunciati in campagna elettorale? Fontanini dice che ne assume 12, ma in realtà potrà assumerne solo 6, altrimenti ci deve spiegare come farà a rendere riapribile il vecchio concorso di 6 unità che ha avuto vita sfortunata».

Niente condizione

«La nomina dell’undicesimo assessore rappresenta la necessità di trovare un nuovo equilibrio politico all’interno della maggioranza visto che nei fatti non serve: quando erano all’opposizione – nota Venanzi - sostenevano che ne bastavano 8 a tempo pieno, non come oggi 10 a tempo parziale (nella foto manca Barillari, il più assenteista di tutti).» «E' innegabile che la nostra città abbia bisogno di uno scatto rispetto a ciò che sta succedendo in questa regione e nella nostra Europa. Il sindaco Fontanini e la sua giunta ci sembrano – conclude Pirone - come quelle squadre che dichiarano di essere sempre pronte a correre, ma non hanno neanche l'allenamento e la condizione giusti per farlo»

giunta-5

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le migliori pasticcerie di Udine secondo TripAdvisor

  • Esce la bio di Taylor Mega: la recensione del libraio udinese ha più successo del libro

  • "Negazionista" al liceo: studente sospeso al primo giorno di scuola perché non rispetta le norme anti-covid

  • Nuova apertura al Città Fiera: 2mila metri quadrati dedicati ai più giovani

  • Il piccolo Michael perde la vita a soli cinque anni

  • Coronovirus: il contagio non molla e Udine è la città con più nuovi casi in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento