Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una decina di esemplari di Orso Bruno a spasso per le montagne friulane

 

ORSI A "PASSEGGIO" Sarebbero una decina gli esemplari di Orso Bruno che stanno gironzolando da inizio aprile sulle montagne del Friuli tra le Valli del Natisone, le Valli del Torre e le alture in Carnia.

Dopo un breve letargo si sono svegliati, piuttosto affamati pare, ed hanno attaccato due alveari: uno nella zona di Racchiuso di Attimis, e uno più recente a Ravascletto, in Carnia (come si vede nel video dell'Università di Udine)

MOVIMENTI  Due esemplari, secondo quanto riferito dal prof. Stefano Filacorda del Università di Udine, si muoverebbero nella zona delle Valli del Natisone, in particolare tra la parte alta di Pulfero e quelle più alte dei comuni di Attimis e di Faedis.

Altra zona di movimento quella tra Sella Carnizza di Resia e l’area del parco delle Prealpi Giulie. Terzo ambito quello carnico dove da tempo si muove il plantigrado monitorato con il radiocollare: l’esemplare vive tra Socchieve, Enemonzo, Preone, Villa Santina e Verzegnis.

"In questo periodo è più facile individuare la loro presenza anche a causa dei loro ritmi alimentari - spiega il prof. Filacorda - Il numero degli orsi quest'anno è significativo, si parla di 9 o 10 individui, ma rispetto ad anni precedenti gli attacchi sono calati. Ai turisti e ai camminatori il mio consiglio, in caso di avvistamento di orsi, di ammirarli se a più di 50 metri di distanza. In caso contrario, mantenere il sangue freddo e parlare ad alta voce".

Potrebbe Interessarti

Torna su
UdineToday è in caricamento