"Crea la tua mascherina", il concorso del Ceconi di Udine

Il concorso creativo per tutti gli studenti dell'istituto professionale di Udine rientra tra le attività della didattica a distanza

"Crea la tua mascherina" è il nuovo concorso dedicato agli studenti dell'istituto professionale Ceconi di Udine ideato dalla professoressa Agata Coszach tra le attività della didattica a distanza.

L'idea

Ormai è da un mese che l'emergenza coronavirus ha costretto docenti e studenti di tutte le scuole italiane a cimentarsi con la didattica online. Le lezioni virtuali fanno ormai parte del quotidiano, anche se con alcune difficoltà. La professoressa Agata Coszach, per esempio, si è chiesta come poter trasferire online lo sviluppo di competenze professionali e laboratoriali. Da qui, l'idea di creare questo concorso.

Il concorso

Supportata dal professor Stefano Pilosio, la docente di Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni nell’indirizzo Industria e Artigianato per il Made in Italy del Ceconi ha creato il concorso per poter simulare un'attività di laboratorio online nella sua classe virtuale con Classroom.

Come funziona

Si tratta di far lavorare gli allievi nella produzione di una cover, ovvero una mascherina con un’apertura in cui potere inserire un presidio medico, o altro tessuto, da personalizzare in modo creativo. I lavori saranno valutati da una selezionata giuria fra cui il dirigente scolastico Adriano Degiglio, che sulla base di quattro criteri di valutazione (originalità, tecniche impiegate, uso di materiale di riciclo e padronanza delle competenze digitali), andranno a decretare, a distanza, i primi tre migliori lavori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La professoressa

Come riferisce la professoressa Coszach: “tutto è nato da uno scambio di messaggi seguito da ore e ore di ricerca, scambi di materiali, telefonate e produzione di compiti. Il lavoro, che inizialmente doveva essere un semplice compito da svolgere, ha preso una connotazione molto interessante, infatti oltre che ricevere i complimenti di molti colleghi ha sortito l'effetto voluto, quello cioè di incuriosire e di stimolare chi di solito non partecipa ad alcuna attività".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento