VIDEO Con lo stand-up paddle lungo le acque del Friuli Venezia Giulia

 

Con lo stand-up paddle nelle acque del Friuli Venezia Giulia. Iniziato per gioco, il progetto partorito da un gruppo di amici va espandendosi sempre più. Visto il numero di visualizzazioni ottenute lo scorso anno con il video autofinanziato e battezzato Lignano Sup City, ora, quella che era solo un’utopia ha preso corpo. Realizzato nell’arco di dodici mesi di “lavoro”, ecco nascere una vera e propria esperienza cinematografica che ha l’intento di stupire chi del Friuli Venezia Giulia ne ha solo sentito parlare come un lembo di terra ubicato a oriente dello Stivale.  

Tappa su tappa, stagione dopo stagione, il filmato è il resoconto dell’ossessiva ricerca di andare “oltre”; dalle acque dolci delle sorgenti alle salate del mare, da quelle smeraldine dei torrenti a quelle ghiacciate dei laghi montani: una vasta gamma di acque solcate dalle tavole da stand up paddle diventano l’ideale compagno del team che ha realizzato il documentario consapevole che la ricerca non finirà li.  

Quattro puntate di Somewhere Tomorrow vogliono essere un compendio di immagini rubate dagli obbiettivi di più droni e da macchine fisse, che hanno la presunzione di essere la “giusta via” per la ricerca delle proprie radici. Francesco Leggio, Margherita Baldo, Marco De Piccoli (direttore fotografico e macchina riprese), Massimo Cavalli (operatore droni) sono i protagonisti dell’avventuroso primo episodio pubblicato da Friuli Venezia Giulia Turismo come strenna natalizia. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
UdineToday è in caricamento