Solidarietà civica dal Friuli per il sindaco di Licata

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Il Movimento Civico Culturale Alpino-Adriatico "Fogolâr Civic" e il Circolo Universitario Friulano "Academie dal Friûl" hanno indirizzato una "nota civica di stima dal cuore friulano d'Europa" al sindaco di Licata, in Sicilia, ing. Angelo Cambiano, noto ed osteggiato per la coraggiosa determinazione con cui combatte l'abusivismo e l'illegalità nella sua terra. "Pregiatissimo, da cittadini impegnati a difendere, a partire dal cuore d'Europa, i migliori costumi di civiltà del Vecchio Continente, voglia gradire questa spontanea testimonianza di stima, animata da esempi storici mitteleuropei di onestà ed efficienza, per la serietà con la quale - si apprende da qualificata stampa - Lei sembra affrontare il gravoso impegno del governo del territorio e del suo prezioso valore ambientale e culturale, vero patriota siculo ma anche italico e cosmopolita, senz'altro fedele alle proverbiali eppure remote tradizioni d'ordine della Sicilia federiciana, primigenio Stato moderno al crocevia del Mediterraneo". La lettera, sottoscritta a Udine il 20 maggio 2016 e terminante simbolicamente con lo storico motto civico siciliano "ANimus TUus Dominus!" ("Il coraggio sia il tuo signore") rimontante alla celebre Rivolta del Vespro, reca le firme del presidente dei due sodalizi friulani, prof. Alberto Travain, dei consiglieri "fogolaristi" geom. Sergio Bertini e tenore Gianfranco Savorgnan nonché di qualificata rappresentanza del corpo sociale formata dal critico d'arte Alfredo Barbagallo, dai signori Pino Capoluongo, Marisa Celotti, Milvia Cuttini, Jole Deana, dott. Carlo Alberto Lenoci, Antonietta Menossi, Luigina Pinzano, dott.ssa Maria Luisa Ranzato, Mirella Valzacchi e Gianna Zuccolo, a figurare idealmente una mobilitazione di solidarietà civica nei confronti di un Amministratore ligio ai suoi doveri di tutela di un ambiente che è patrimonio della Nazione e del mondo intero.

Torna su
UdineToday è in caricamento