«Le parole di Conte sono state una doccia gelata. Ora la situazione è tragica»

Zoratti, di Confesercenti Fvg:"La situazione da preoccupante è diventata molto seria"

Ancora un'altra feroce critica nei confronti delle ultime disposizioni del Governo, questa volta da Confesercenti Fvg. «L’intervento del presidente del Consiglio Giuseppe Conte è stato una autentica doccia gelata che ci ha letteralmente scioccato. Le aspettative e le speranze del comparto commerciale e dei pubblici esercizi sono state totalmente tradite. La situazione, che da preoccupante era diventata molto seria, ora è divenuta tragica». Le parole sono quelle di Marco Zoratti, vicepresidente di Confesercenti Fvg. «L’iniziale smarrimento (dai primi di marzo), si è man mano trasformato in paura, e ora la paura si trasforma in rabbia – assicura –. L’altalena delle date di riapertura e il loro slittamento sempre più in là, genera nei cittadini e negli operatori economici sconcerto ed insicurezza. Urge un segnale forte da parte delle istituzioni: riaprire subito, in sicurezza ma subito!».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La richiesta

Zoratti si schiera quindi al fianco della Regione per chiedere con forza l’avvio di una “fase 2” concreta: «Avendo dimostrato abbondantemente quale sia il senso civico e la capacità di rispetto delle regole date, le aziende del Friuli Venezia Giulia sono assolutamente in grado di riaprire subito rispettando ogni regola di ingaggio prevista a salvaguardia della sicurezza dei dipendenti, dei clienti e di se stessi. Siamo quindi al fianco della Regione Fvg e del presidente Massimiliano Fedriga nel richiedere con forza l’immediata riapertura delle attività prima che sia troppo tardi. Dalla base – conclude – ci giungono segnali sempre più pressanti di ribellione e sarebbe un errore gravissimo ignorarli o anche solo sottovalutarli».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • A Codroipo apre "Molo12", il ristorante di pesce di uno chef stellato

  • Covid 19: quattordicenne ricoverato a Udine in Medicina d'urgenza

  • Covid: C'è una vittima ed è boom di contagi, in Fvg oggi sono 219 i nuovi positivi

  • Coronavirus, positivi alla Quiete, in ospedale a Palmanova, Udine e San Daniele

  • Coronavirus, 334 contagi e tre morti: c'è anche una donna di 41 anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento