Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO: "Non andate nei parchi pubblici, state a casa", il videomessaggio del Sindaco Fontanini

Secondo quanto riferito nel videomesaggio, sono state diverse le segnalazioni della Polizia Locale per gruppi di persone identificate all'interno dei parchi pubblici

 

"Restate a casa, affollarsi nei parchi è pericoloso".

Il monito arriva in video messaggio dal Primo cittadino udine Pietro Fontanini che dopo le svariate segnalazioni della Polizia Locale per assembramenti nei parchi pubblici, ribadisce al pubblico dei social l'importanza di attenersi alle direttive in questo delicato momento del contenimento.

"Ci sarà tempo per godersi i nostri bei parchi pubblici quando tutto sarà passato, ma adesso restate a casa."

Alessandro Venanzi

"Invito tutti i miei concittadini ad ascoltare l'appello del Sindaco e a stare a casa. Non prendiamo con leggerezza le indicazioni e le norme di sicurezza, non facciamoci ingannare da spazi aperti o belle giornate: qua ci stiamo giocando la salute di una comunità e dell'intera Europa. Guardiamo i numeri, ne va della vita".

Così il capogruppo Pd nel Consiglio comunale di Udine Alessandro Venanzi rilancia l'appello del sindaco del capoluogo friulano Pietro Fontanini, che oggi in un videomessaggio ha stigmatizzato le "troppe persone che frequentano i parchi pubblici, soprattutto quello del Cormor e il Moretti".

"Potremo non avere le stesse idee su tantissime cose e magari - spiega Venanzi - anche su certi approcci della Lega all'emergenza, ma sulla sostanza della lotta al coronavirus sono al fianco del sindaco di Udine: stiamo uniti e solidali, e soprattutto stiamo a casa. L'incoscienza oggi è una colpa grave".

Potrebbe Interessarti

Torna su
UdineToday è in caricamento