Niente autorizzazioni per gestire i rifiuti, sequestro da 2,5 milioni di euro a Pradamano

Nel mirino dei carabinieri del Noe una società che si occupa dello stoccaggio della plastica. Denunciato a piede libero il presidente

Niente autorizzazioni ambientali necessarie alla gestione dei rifiuti e alle conseguenti emissioni in atmosfera. Per questa ragione uno stabilimento di Pradamano di 18mila metri quadri, l'impianto di aspriazione e 1.400 metri cubi di rifiuti stoccati – per un valore complessivo di 2.5 milioni di euro – è stato messo sotto sequestro preventivo dai carabinieri del Noe di Udine. Il provvedimento è stato convalidato dal gip del Tribunale di Udine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'ispezione 

I militari hanno accertato una serie di violazioni penali nei confronti della società che gestisce l'impianto, operante nel settore del recupero della plastica. I controlli hanno portato alla denuncia a piede libero del presidente del consiglio di amministrazione della società.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È finalmente cassa integrazione, l'Inps dice ok ai pagamenti

  • La Croazia taglia fuori gli italiani: turisti solo da 10 paesi europei

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • Spiagge, nuova ordinanza in arrivo: ecco cosa deciderà

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

  • Fa entrare i clienti dal retro nonostante le restrizioni, interviene la Polizia

Torna su
UdineToday è in caricamento