Sequestro di cuccioli sull'autostrada A4, la Finanza ne salva 23

Fermato un furgone con targa slovacca tra Porpetto e Latisana, con all'interno i cagnolini in condizioni igienico sanitarie limite. Ora si trovano in un canile di San Canzian d'Isonzo

Immagine d'archivio

Un carico di cuccioli provenienti dall'Est Europa, trasportati in precarie condizioni igienico-sanitarie, è stato intercettato nei giorni scorsi dalla Guardia di Finanza lungo la A4, tra i caselli autostradali di Porpetto e Latisana, in direzione di Venezia.

I cagnolini erano all'interno di un Fiat Ducato con targa slovacca. Le Fiamme Gialle hanno scovato 23 cuccioli di varie razze, rinchiusi in gabbie piccolissime, senza cibo, acqua e sistemi di aerazione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I cuccioli sembravano anche di età inferiore a quella riportata sui documenti di trasporto. Potrebbero essere stati dunque strappati alle cure delle madri prima del termine dello svezzamento. Attualmente gli animali sono stati posti sotto sequestro in un canile di San Canzian d'Isonzo. La Procura della Repubblica ne ha disposto l'affidamento in custodia ai cittadini che ne facciano richiesta e vengano ritenuti idonei, non appena i cuccioli potranno lasciare la struttura. L'autista del mezzo è  stato denunciato per maltrattamento di animali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Croazia apre anche ai turisti italiani: chiarita la posizione del Paese

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • Apre un nuovo locale: la focacceria Mamm si amplia e inaugura un forno bistrot

  • Spiagge, nuova ordinanza in arrivo: ecco cosa deciderà

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

  • Coronavirus: quattro contagi in più a Udine, dodici in tutta la regione

Torna su
UdineToday è in caricamento