Cronaca

In preda al panico in montagna, tre 21enni salvate dal Soccorso alpino

Il gruppo di giovani è stato tratto in salvo in una zona impervia nei dintorni di Moggio Udinese

Tre giovani friulane, tutte di ventuno anni, hanno chiamato verso le 13 e 30 il Nue112 durante un'escursione verso il Cuel di Livosa, area di bassa montagna a sud del ponte di Moggio sul Fiume Fella. Le ragazze, dopo aver affrontato un tratto di percorso che inizia sul sentiero Cai743a hanno imboccato una traccia di sentiero secondaria, denominata Sentiero Cuel da Vedui, che conduce alla fornace del Rio Ciampeit e al sentiero con segnavia Cai743 che da Tugliezzo conduce a Resiutta, ma si sono fermate poi in un tratto compreso tra Stavoli Ravorade e Stavoli del Verzàn - a quota 570 metri - in preda al panico. Il sentiero non presenta particolari difficoltà, ma la zona, poco frequentata, ha un aspetto relativamente selvaggio, elemento quest'ultimo che ha creato nelle ragazze particolare suggestione, spaventandole. Una delle tre ragazze presentava inoltre evidenti segni di spossatezza. Allertati dalla Centrale Sores, due tecnici della stazione di Moggio Udinese del Soccorso Alpino e Speleologico hanno risolto nell'arco di un'ora l'intervento avvicinandosi prima lungo la pista forestale con il furgone, raggiungendo le ragazze a piedi e riconducendole a valle.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In preda al panico in montagna, tre 21enni salvate dal Soccorso alpino

UdineToday è in caricamento