Ricostruito in tempi record il ponte sulla statale a Cleulis

Tutt'oggi attivi 600 cantieri per 150 milioni di euro, un centinaio quelli riprogrammati per il 2020

Oggi, a soli 14 mesi dalla tempesta 'Vaia', è stato riaperto il tratto della Strada statale 52 bis 'Carnica' a Cleulis, sul territorio del Comune di Paluzza, che era franato sotto la furia degli elementi. Si tratta, dopo il ripristino del ponte a Ovaro, dell'intervento più importante eseguito in tempi record dalla Protezione civile, che ha commissionato i lavori all'Anas, alla quale compete l'arteria.

Il ricordo di Giuseppe Zamberletti

Il vicegovernatore con delega alla Protezione civile, Riccardo Riccardi, ha evidenziato durante il taglio del nastro dell'opera che "riattivare un collegamento internazionale come la 52 bis, franato in quel modo, in un così breve lasso di tempo rappresenta una lezione per l'Italia. Un processo di ripristino che parte da lontano ed è ispirato alla lezione impartita al mondo da Giuseppe Zamberletti, commissario straordinario della ricostruzione del Friuli terremotato, una figura indelebile nelle emergenze che ricorderemo sabato a Venzone".

I cantieri

"Zamberletti ci ha insegnato ad assegnare una forte responsabilizzazione ai Comuni, a seguire procedure snelle e a derogare le competenze alla gestione commissariale, che per la tempesta 'Vaia' è stata affidata al presidente Fedriga. Questa è la dimostrazione concreta - ha puntualizzato Riccardi - di come questo modello stia funzionando, perché a tutt'oggi abbiamo in piedi 600 cantieri per 150 milioni di euro, già avviati nel 2019, e ne stiamo riprogrammando un centinaio per il 2020: mi pare che il Friuli Venezia Giulia stia portando in porto questa sfida con ottimi risultati".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La prevenzione

In merito alle attività di prevenzione avviate dalla Protezione civile, Riccardi ha spiegato che "dobbiamo guardare con intelligenza a opere che possano, almeno in parte, prevenire danni e disastri come quelli provocati da 'Vaia' e che vanno al di là del danneggiamento immediatamente visibile a seguito degli eventi calamitosi. Questo è un territorio fragile - ha chiarito - e stiamo immaginando interventi che ci consentano non soltanto di riportare le cose com'erano prima degli eventi disastrosi, ma di ripristinarle nel modo migliore. A tal proposito, solamente nell'area dove è stata riaperta la strada sono stati previsti ulteriori interventi per oltre 8 milioni di euro, con un supporto significativo all'economia della montagna, attraverso il coinvolgimento di imprese e professionisti locali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto all'alba, la terra ha tremato anche in regione

  • Frico, polenta e salame con l'aceto: "Camionisti in trattoria" è passato in Friuli

  • È mancato Cristian De Marco, il fondatore del Piccolo Coro del Fvg

  • Coronavirus, i positivi salgono di più del doppio rispetto a ieri

  • Cenetta tra amici in appartamento, la vicina chiama la Polizia

  • Affetto da Coronavirus, si presenta in farmacia senza mascherina violando la quarantena

Torna su
UdineToday è in caricamento