Maifestazioni in piazza San Giacomo: sarà per il 2013, Martines preoccupato

Non c'è più tempo per organizzare i giovedì nel cuore della città. Il vicesindaco si dichiara perplesso per il futuro della piazza. In queste condizioni è a rischio anche la festa di Friuli Doc

Dispiace a Franco Di Benedetto, tra i promotori degli aperitivi in piazza San Giacomo, ma dispiace anche al vicesindaco Vincenzo Martines. La manifestazione è rimandata al 2013 perché la Soprintendenza non ha dato il via libera per organizzare eventi sulla nuova pavimentazione di piazza Matteotti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Personalmente ho fatto di tutto affinché l'iniziativa potesse andare in porto – racconta Martines – e anche il sindaco Furio Honsell si è impegnato molto. Ora sono preoccupato, non solo per l'estate cittadina, ma anche per Friuli Doc, sarebbe un disastro se non si potesse portare la kermesse nel luogo simbolo della città”.

Martines ha annunciato che a breve ci sarà un altro incontro con la Soprintendenza. “Vogliamo trovare una soluzione – spiega – perché non possiamo fare a meno di piazza San Giacomo. In queste condizioni è tutto bloccato, non solo gli aperitivi del giovedì, ma anche ogni iniziativa in piazza”.

Peccato, dice Martines. “Era la prima volta che i commercianti di piazza San Giacomo si sono uniti, hanno condiviso un progetto e si sono organizzati per realizzarlo – conclude – purtroppo non è stato possibile, ma l'idea è buona, tanto che sul futuro della piazza abbiamo parlato con tutte le categorie coinvolte e non solo Confcommercio. A questo punto, è giusto continuare il lavoro per l'estate 2013, perché la stagione possa iniziare prima, in modo da dare anche un ritorno economico a chi investe”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore in carcere a soli 22 anni, la Procura apre un'indagine

  • L'Ospedale cerca personale sanitario, la Casa di Cura lo mette in cassa integrazione: è scontro

  • Coronavirus: salgono a 1436 i casi positivi, 119 in più in un solo giorno

  • Al supermercato con naso e bocca coperti, l'ultima ordinanza di Fedriga

  • Triatleta corre 16 km in giardino «per le persone in prima linea per la nostra salute»

  • Non resiste alla quarantena, apre il bar e si trova con gli amici

Torna su
UdineToday è in caricamento