menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Friuli-Venezia Giulia tre le prime sei regioni in italia per puntualità nei pagamenti

La nostra regione conferma anche a giugno 2018 performance virtuose in materia di pagamenti, in aumento del 3,6% rispetto al 2010. I comparti produttivi che presentano le migliori performance sono Servizi finanziari e Edilizia, mentre il più ritardatario nei pagamenti è il Commercio al dettaglio

Secondo quanto emerso dallo Studio Pagamenti realizzato da CRIBIS, società del Gruppo Crif specializzata nella business information, l’andamento dei pagamenti a giugno 2018 mostra un lieve aumento rispetto allo stesso periodo del 2017 (+0,8%), seppur in calo rispetto a marzo 2018 (-0,5%). L'ndagine realizzata mostra un aumento dei pagamenti puntuali rispetto all’anno precedente pari allo 0,8% (36,7% a giugno 2018 contro 36,4% a giugno 2017), mentre le aziende con ritardo nei pagamenti superiore ai 30 giorni restano stabili (11% a giugno 2018 contro 11,1% a giugno 2017).

I principali indicatori dello studio sono, da un lato, la tendenza delle aziende a pagare i propri fornitori entro la data di scadenza e, dall’altro, i dati relativi ai ritardi considerati gravi, in caso di saldo oltre 30 giorni dal termine stabilito. “I dati rilevati dalla nostra analisi a giugno di quest’anno mostrano un andamento in linea con il trend registrato negli ultimi anni: nonostante un lieve calo dei pagamenti puntuali rispetto al trimestre precedente, le aziende regolari nei pagamenti si attestano al 36,7%, in aumento dello 0,8% a confronto con lo stesso periodo dell’anno precedente” – ha commentato Marco Preti, Amministratore Delegato di Cribis -. “Nonostante la situazione di generale miglioramento in materia di pagamenti, in Italia si paga ancora con una media di 82 giorni: quasi 3 mesi per incassare una fattura, con punte di 127 giorni nella Sanità.

La situazione in Fvg

Il Friuli-Venezia Giulia a giugno 2018 conferma le ottime performance a livello nazionale: con una percentuale di imprese puntuali pari al 42,9%, superiore alla media nazionale del 37,2% e di poco inferiore a quella del Nord Est (45,5%), la Regione resta una delle prime 6 per pagamenti regolari. Le performance migliori a livello provinciale sono registrate da Pordenone (46,9%) che, insieme a Udine, presenta percentuali in crescita dal 2010 a oggi. In particolare, a Pordenone la percentuale di imprese puntuali nei pagamenti ammonta al 46,9%. Seguono Udine (44,7%) - in crescita dal 2010 - Gorizia (40,2%) e Trieste (32,1%). Chiude la classifica Trieste, con solo il 32,1% di aziende puntuali e il maggior numero di ritardi superiori ai 30 giorni (10,4%, seppur al di sotto della media nazionale. Da un confronto con il 2010 emerge un incremento dei pagamenti alla scadenza pari al 3,6%, a fronte di un aumento dei ritardi gravi di oltre il 108%. Rispetto a marzo 2017 le imprese puntuali registrano una flessione del 2,9% e un aumento di ritardi superiori ai 30 giorni pari all’11,6%. Guardando ai comparti produttivi, il settore dei Servizi finanziari è quello con le performance migliori (52,2% di imprese puntuali) insieme al settore dell’Edilizia (51,1%), mentre il Commercio al Dettaglio riporta le maggiori criticità (28,3% di pagamenti alla scadenza) ed è l’unico comparto che, a livello regionale, è inferiore alla media nazionale. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Anche la Croazia lancia le isole Covid free

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento