Mensa, rimborsi e sanificazione, assistenza Ardiss a 200 studenti nei convitti Fvg

Servizi garantiti per gli studenti fuori sede, come affermato dall'assessore all'Università FVG, Alessia Rosolen, tra mensa e fruizione di stanze trasformate in singole per affrontare l'emergenza

Alessia Rosolen

"Sono rimasti negli alloggi della Casa dello studente di Trieste 127 giovani universitari, 28 nelle rispettive stanze in zona Rizzi e 3 alla Domus accademica Maria Bambina di Udine, 25 nella Casa dello studente di Pordenone e, infine, 17 anche a Gorizia. Sono chiusi soltanto gli spazi di Gemona del Friuli. Sento di doverli ringraziare tutti perché si stanno comportando nella maniera migliore possibile". 

Questi i dati forniti oggi dall'assessore Fvg all'Università, Alessia Rosolen, in sede di VI Commissione consiliare convocata in modalità telematica dal presidente Giuseppe Sibau (PrFvg/Ar).

L'assessore Alessia Rosolen

Nel suo intervento, l'esponente della Giunta Fedriga ha descritto le azioni attivate dall'Ardiss (Agenzia regionale per il diritto agli studi superiori) per far fronte all'emergenza Covid-19 e per garantire l'esercizio del diritto allo studio degli studenti dei convitti in condizioni di assoluta sicurezza: dai servizi alloggio e mensa fino al pagamento delle borse di studio e dei rimborsi sulle tasse regionali. 

"È stata offerta una pronta risposta su tutto ciò che era necessario, anche alla luce dell'ordinanza emessa lunedì scorso dal governatore Massimiliano Fedriga. Non c'è stato alcun tipo di problema - ha sottolineato Rosolen -. Sanificazione e controllo degli ambienti sono costanti; il servizio mensa ad personam è garantito tra fornitura di pasti a domicilio dietro prenotazione con consegne nei piazzali antistanti le residenze (o, come a Gorizia, in portineria) e rimborsi di 10 euro al giorno per l'acquisto di generi alimentari. Su questo tema e queste esigenze l'Ardiss regionale ha fornito un servizio impeccabile"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Si tratta di strutture dove risiedono numerosi ragazzi provenienti da fuori sede - ha aggiunto l'assessore regionale - e sono stati garantiti gli strumenti per soddisfare ogni tipo di necessità".  Fin dai primi giorni di marzo, infatti, le camere erano state trasformate in singole, tra divieto assoluto di rientri e nuovi ingressi con distribuzione di mascherine e guanti protettivi. Inoltre, sono stati garantiti i servizi wi-fi per la didattica a distanza, esami e dottorati, l'assistenza psicologia via Skype e l'invio di informazioni generali attraverso le mail personali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Covid 19: quattordicenne ricoverato a Udine in Medicina d'urgenza

  • Covid: C'è una vittima ed è boom di contagi, in Fvg oggi sono 219 i nuovi positivi

  • Coronavirus, 334 contagi e tre morti: c'è anche una donna di 41 anni

  • Coronavirus, positivi alla Quiete, in ospedale a Palmanova, Udine e San Daniele

  • Il ristorante non vuole chiudere e garantisce posti letto a prezzi stracciati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento