menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Mai più fascismi e razzismi", manifestazione a Roma e a Udine

Domani, in concomitanza con la manifestazione nazionale, è stato organizzato un presidio anche in città. Annunciato l'arrivo di qualche "antagonista"

In contemporanea alla manifestazione nazionale “Mai più fascismi - Mai più razzismi” che si svolgerà a Roma sabato 24 febbraio 2018, l’Anpi di Udine ha organizzato un presidio che dalle ore 15.30 si terrà a Udine presso il Monumento alla Resistenza di piazzale XXVI Luglio. L’iniziativa è partita da un gruppo di cittadini e cittadine che hanno ritenuto di non restare indifferenti di fronte agli episodi inquietanti che offendono la dignità umana e che riportano alla mente ricordi di un passato minaccioso, pericoloso e anticostituzionale. L’Anpi Provinciale ha raccolto quest’invito e ha organizzato una raccolta firme per la sottoscrizione dell’appello con cui si chiederà alle Istituzioni di sciogliere le organizzazioni che si richiamano al fascismo e al nazismo.

Manifestazione a Udine

Il programma dell’incontro a Udine prevede in primis il saluto del sindaco di Udine, Carlo Giacomello. Successivamente sono previsti gli interventi del presidente dell’Anpi della città, Dino Spanghero, e di don Franco Saccavini, presidente dell’Associazione “Vicini Di Casa” Onlus. Chiuderà la manifestazione un'orazione di Furio Honsell, membro della Presidenza Onoraria dell’Anpi. Sono previste, inoltre, alcune letture curate dal Circolo Arci Ccft e la partecipazione del Coro Popolare della Resistenza.

Oppositori

Alla manifestazione parteciperà, se pur in disparte, anche Riccardo Prisciano, consigliere comunale a  Tarcento, salito agli onori della cronaca per la vicenda che lo ha visto coinvolto nel caso dell'aggressione al Centro islamico del paese."Sarò presente alla manifestazione - ha annunciato su Facebook il candidato alle regionali di Fratelli d’Italia che ha definito l'evento una "carnevalata" (vedi immagini in allegato)-. Sarò senza cartelli, striscioni o simboli di partito. Non voglio fare polemica ma ascoltare con le mie orecchie questi veri fomentatori d'odio politico che ci hanno riportato negli Anni di Piombo. Picchiano chi è di Destra? E dovrei cedere per questo? Ne ho prese così tante in vita mia che certamente non ho paura né di questi figli di papà, né delle loro intimidazioni che, più che di politica, sanno di stampo mafioso."

Cgil presente a Roma

Due le corriere speciali munite di bandiere della Cgil in partenza per la Capitale, qualche centinaio le persone che dal Fvg raggiungeranno il Lazio in treno o con i pullman. «Saremo a Roma per dire basta al razzismo e a ogni forma di fascismo, per ribadire la nostra solidarietà alle vittime dell’intolleranza e per chiedere a tutti, a partire dai rappresentanti delle forze politiche, un atteggiamento più responsabile per contribuire a svelenire un clima di crescente tensione, come dimostra l’escalation di violenza che sta accompagnando la campagna elettorale». Queste le parole del segretario generale della Cgil Fvg Villiam Pezzetta, allarmato da una deriva che la gravità dei fatti di Macerata, ai quali la manifestazione di domani vuole essere una risposta, non ha contribuito a fermare. «Così come non è venuta meno – aggiunge Pezzetta – l’odiosa prassi di fare dell’immigrazione uno strumento per catturare facili consensi e una valvola di sfogo per paure, insicurezze e tensioni che nascono in realtà dalla perdurante instabilità del quadro economico, da un’occupazione che stenta a ripartire e dalla crescita della precarietà, del lavoro povero, delle aree di povertà e di disagio sociale».

Il volantino della manifestazione

24_febbraio_2018_Mai-più-fascismi-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È di nuovo zona arancione, ecco cosa succede da oggi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento