Passerella crollata in montagna: la Procura apre un'indagine

Gli inquirenti udinesi vogliono vederci chiaro sull'incidente che venerdì pomeriggio ha visto il ferimento di 10 boyscout vicentini

La Procura della Repubblica di Udine ha aperto un'indagine per individuare eventuali responsabilità nel crollo della passerella sul rio Degano, che ha provocato nel pomeriggio di venerdì il ferimento di 10 scout del gruppo Agesci 11 di Vicenza. Gli inquirenti vogliono stabilire se l'incidente possa essere stato causato in qualche modo da "errori umani", come ha indicato il Procuratore capo di Udine Antonio De Nicolo. Il pm di turno Elisa Calligaris ha disposto accertamenti ad ampio raggio, investendo sia gli aspetti della sorveglianza degli adolescenti, sia la costruzione e manutenzione del ponte pedonale in legno. Nel frattempo sono migliorate le condizioni dei feriti, che non sono preoccupanti. I ragazzi, secondo quanto si è appreso, non avrebbero riportato che lievi lesioni. Molti di loro sono già stati dimessi dagli ospedali che li avevano presi in cura. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Taylor Mega fa il dito medio alla Polizia, cacciata in diretta da Canale 5

  • Pianista prodigio friulana a 10 anni rappresenterà l'Italia ad Amburgo

  • Decine di chili di pesce e carne scaduti al ristorante e serviti ai clienti

  • AAA Gestore di rifugio montano cercasi

  • A Udine Rc auto più basse del 7%: il record va a una donna che guida una Yaris

  • Morto tra le fiamme di casa sua, si indaga per omicidio

Torna su
UdineToday è in caricamento