menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Furti di rame in ferrovia, la Polfer mette in scena dei controlli speciali

Gli uomini della sezione hanno dato il via all'operazione "Oro Rosso", nel corso della quale sono stati controllati depositi, persone e mezzi di trasporto

Controlli serrati da parte della Polfer della provincia di Udine, impegnata nelle verifiche straordinarie dell’operazione “Oro Rosso”. Il tutto mosso dalla necessità di servizi di prevenzione e repressione con particolare riguardo ai depositi per il riciclo dei metalli ferrosi e il controllo di obiettivi sensibili lungo le linee ferroviarie. 

Il rame nel mirino

Il servizio è stato svolto come da indicazioni impartite dal Servizio di Polizia Ferroviaria al fine di contrastare il fenomeno su scala nazionale dei furti di rame in abito ferroviario. Il fenomeno dei furti di rame interessa con frequenza le strutture delle Ferrovie dello Stato, che subiscono ingenti danni economici oltre ad accusare disservizi legati alla circolazione dei convogli. 

I possibili danni

La sottrazione anche parziale di cavi in rame di collegamento determina situazioni di black-out per interi circuiti che alimentano segnali ferroviari, passaggi a livello e scambi. 

I numeri

Nel servizio sono stati impiegati nove operatori Polfer della Sezione Polizia Ferroviaria di Udine e dei Posti Polfer di Cervignano e Gemona, che hanno controllato complessivamente 14 obiettivi tra rottamai, depositi di rame e siti sensibili lungo le linee ferroviarie, identificando 10 persone e controllando 3 autocarri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, in Friuli continuano a calare ricoveri e contagi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento