Federmoda Fvg:«Apertura all'11 maggio? Scenario inaccettabile»

A preoccupare i negozianti la data e le modalità da seguire per la riapertura

Immagine d'archivio

"Se confermate, le anticipazioni di una riapertura dei negozi di abbigliamento e calzature l’11 maggio, con tanto di obbligo di sanificare vestiti e scarpe, disegnano uno scenario inaccettabile". Queste le parole della presidente regionale del gruppo Confcommercio Federmoda Fvg, Antonella Popolizio e il vicepresidente provinciale di Udine di Confcommercio, Alessandro Tollon.

Le preoccupazioni

Cosa preoccupa maggiormente gli imprenditori? Due cose: la data e le modalità della riapertura. "Alla luce dei numeri del contagio sotto controllo sul territorio – spiegano Popolizio e Tollon –, ci saremmo aspettati la bella sorpresa di una ripartenza già entro aprile. E invece troviamo indicata tra le indiscrezioni di giornata una riapertura posticipata addirittura all’11 maggio. Con la catastrofe economica in atto, con migliaia di attività che hanno visto azzerati i ricavi e con conseguente grave rischio per l’occupazione dei collaboratori, sarebbe incomprensibile aggiungere ritardo a ritardo. I nostri negozi sono pronti a recuperare il contatto con il cliente, lo sono da tempo. E si sono dunque attrezzati per contingentare gli ingressi, garantire che in negozio si possa entrare solo con guanti e mascherine, far rispettare la distanza interpersonale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Un negozio su 10 rischia il fallimento», l'appello di Federmoda Confcommercio Fvg

Alti costi

Un'altra preoccupazione dei commercianti riguarda anche la sanificazione degli articoli. "I costi dei macchinari necessari sarebbero insostenibili conclude Confcommercio Federmoda Fvg –, e i capi ne verrebbero pure danneggiati. Siamo dunque nettamente contrari. Ma va anche aggiunto che nulla è stato previsto per i negozi per bambini e neonati, già aperti senza alcun obbligo di sanificare abiti e scarpe. Servono chiarezza e coerenza, da subito. La nostra categoria ha già pagato un prezzo enorme a questa emergenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuove regole da stasera: cosa succede per scuole, bar e ristoranti

  • A Codroipo apre "Molo12", il ristorante di pesce di uno chef stellato

  • Fedriga: "Misure restrittive proprio per evitare un nuovo lockdown"

  • Bar aperti oltre la mezzanotte, c'è una prima "vittima" delle nuove regole

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

  • Coronavirus: 90 nuovi casi, tre decessi, due focolai a Martignacco e Gradisca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento