Il Bonus bici in Fvg vale solo per i Capoluoghi: la petizione per estenderlo a tutti

La manovra del Governo vale per i maggiorenni che hanno la residenza nei capoluoghi di Regione o Provincia, nei Comuni con più 50mila abitanti e nelle Città metropolitane

Il bonus Bici previsto dal decreto Rilancio è una misura che permette di avere diritto al contributo pari al 60% della spesa sostenuta, fino a un massimo di 500 euro, per chi ha acquistato una bicicletta, un monopattino o altri mezzi a propulsione elettrica (auto escluse). Possono usufruire del buono mobilità i maggiorenni che hanno la residenza (non il domicilio) nei capoluoghi di Regione, nei capoluoghi di Provincia, nei Comuni con popolazione superiore a 50.000 abitanti e nei comuni delle Città metropolitane.

Un'ottima manovra a favore della mobilitià sostenibile che però esclude tutti i residenti in paesi e città al di sotto dei 50mila abitanti. Per questo, i Consiglieri di 10 Comuni (Campoformido, Cervignano, Cividale, Codroipo, Cormons, Monfalcone, Muggia, San Vito al Tagliamento, Tavagnacco, Tolmezzo) lanciano una richiesta al Presidente Massimiliano Fedriga: estendere il "Bonus Bici" a tutta la Regione Friuli Venezia Giulia. E per farlo promuovono anche una raccolta firme.
Il Bonus Bici previsto dal Decreto Rilancio "è una misura molto positiva per costruire un nuovo modello di mobilità, di cui oggi, anche dopo questa emergenza sanitaria, c'è davvero un grande bisogno". Affermano i 10 Consiglieri comunali. "È ora infatti di puntare sulla mobilità sostenibile, mettendo al centro mezzi alternativi come la bicicletta, ripensando tutto in termini di spostamenti e sicurezza quotidiana. D'altra parte la bicicletta è un veicolo a tutti gli effetti e le piste ciclabili, in base alla legge 2/2018, hanno la stessa dignità di strade, autostrade e ferrovie".

Come funziona il bouns

Il Bonus Bici del Decreto Rilancio garantisce un massimo di 500 euro per coprire fino al 60% dell'acquisto di un nuovo mezzo e "porterà effettivamente nei Comuni tante biciclette adatte a sostituire l’auto, come quelle a pedalata assistita. La platea di Comuni della nostra Regione per cui è previsto il bonus, però, è ristretta ai soli capoluoghi di provincia, escludendo così un numero importante di
centri abitati
", sottolineano i Consiglieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le richieste

"Per questo, ritenendo la misura nazionale positiva per la strada intrapresa, chiediamo che la Regione Friuli Venezia Giulia intervenga con un proprio provvedimento per estendere in maniera lungimirante il bonus a livello regionale. Il nostro auspicio è davvero che venga esteso a tutti i Comuni in modo da favorire un cambiamento nella mobilità quotidiana a vantaggio di tutti i cittadini e di ogni territorio della nostra Regione".
"Invitiamo tutti gli altri Consiglieri comunali e i cittadini ad unirsi a noi in questa semplice richiesta dal valore strategico", aggiungono i Consiglieri promotori. E per raccogliere le adesioni hanno lanciato anche una raccolta firme on line.

I 10 Consiglieri, primi firmatari della richiesta, sono:
Chiara Anzolini, Consigliera comunale di Tolmezzo
Andrea Bruscia, Consigliere comunale di San Vito al Tagliamento
Luca Buiat, Consigliere comunale di Cormons
Diego Compagnoni, Consigliere comunale di Campoformido
Anna Demarchi, Consigliera comunale di Muggia
Marco Duriavig, Consigliere comunale di Tavagnacco
Federico Gratton, Consigliere comunale di Cervignano del Friuli
Cristiana Morsolin, Consigliera comunale di Monfalcone
Maria Cristina Novelli, Consigliera comunale di Cividale del Friuli
Giacomo Trevisan, Consigliere comunale di Codroipo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuove regole da stasera: cosa succede per scuole, bar e ristoranti

  • A Codroipo apre "Molo12", il ristorante di pesce di uno chef stellato

  • Fedriga: "Misure restrittive proprio per evitare un nuovo lockdown"

  • Bar aperti oltre la mezzanotte, c'è una prima "vittima" delle nuove regole

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

  • Coronavirus: 90 nuovi casi, tre decessi, due focolai a Martignacco e Gradisca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento