Il prosciutto della discordia: il Comune di Sauris diffida altri ad usare il nome "Zahre"

Il riferimento è a uno stabilimento di Ampezzo, che avrebbe la responsabilità di produrre insaccati fuori dal territorio del comune germanofono

Il Comune di Sauris informa di aver avviato le procedure per inoltrare una diffida legale verso coloro che utilizzano il nome Sauris/Zahre a scopo commerciale, senza che i prodotti, oggetto dell'attività imprenditoriale, vengano effettivamente realizzati a Sauris senza che l'azienda che li produce abbia sede nel Comune di Sauris.  

L'amministrazione comunale saurana sta valutando una maggior tutela legale del nome Sauris/Zahre, in capo alla sola ed unica comunità locale. Tutto questo senza che nessuno possa o intenda appropriarsi di un nome che può e deve appartenere solamente ad una comunità, specificatamente radicata su di un territorio, ad esso indissolubilmente connotata. 

Il riferimento è manifestamente a uno stabilimento che sta nascendo ad Ampezzo,  dove si produrranno proprio dei prosciutti. Come andrà a finire la disfida legata a questo celebre insaccato?

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellamento in via Scrosoppi, ferita una ragazza dopo una lite

  • Schianto mortale nella Bassa, perde la vita un 26enne

  • Uomo a terra in viale Volontari della Libertà

  • Via Roma, si attacca alla fondina di un poliziotto e cerca di prendergli la pistola

  • È friulano il miglior tiramisù d'Europa

  • Più di 5mila i truffati dalle manutenzioni antincendio

Torna su
UdineToday è in caricamento