Il prosciutto della discordia: il Comune di Sauris diffida altri ad usare il nome "Zahre"

Il riferimento è a uno stabilimento di Ampezzo, che avrebbe la responsabilità di produrre insaccati fuori dal territorio del comune germanofono

Il Comune di Sauris informa di aver avviato le procedure per inoltrare una diffida legale verso coloro che utilizzano il nome Sauris/Zahre a scopo commerciale, senza che i prodotti, oggetto dell'attività imprenditoriale, vengano effettivamente realizzati a Sauris senza che l'azienda che li produce abbia sede nel Comune di Sauris.  

L'amministrazione comunale saurana sta valutando una maggior tutela legale del nome Sauris/Zahre, in capo alla sola ed unica comunità locale. Tutto questo senza che nessuno possa o intenda appropriarsi di un nome che può e deve appartenere solamente ad una comunità, specificatamente radicata su di un territorio, ad esso indissolubilmente connotata. 

Il riferimento è manifestamente a uno stabilimento che sta nascendo ad Ampezzo,  dove si produrranno proprio dei prosciutti. Come andrà a finire la disfida legata a questo celebre insaccato?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg con il fiato sospeso per il mini-lockdown, la lista dei comuni a rischio

  • Covid: 1197 contagi in un giorno e 13 nuovi decessi, è spettro zona rossa

  • Covid e bombole d'ossigeno, l’azienda friulana: «Non riceviamo ordini da mesi»

  • Nuova ordinanza della Regione, ecco cosa non si può più fare

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

  • Acquisti fuori dal Comune di residenza: le precisazioni sugli spostamenti

Torna su
UdineToday è in caricamento