Il prosciutto della discordia: il Comune di Sauris diffida altri ad usare il nome "Zahre"

Il riferimento è a uno stabilimento di Ampezzo, che avrebbe la responsabilità di produrre insaccati fuori dal territorio del comune germanofono

Il Comune di Sauris informa di aver avviato le procedure per inoltrare una diffida legale verso coloro che utilizzano il nome Sauris/Zahre a scopo commerciale, senza che i prodotti, oggetto dell'attività imprenditoriale, vengano effettivamente realizzati a Sauris senza che l'azienda che li produce abbia sede nel Comune di Sauris.  

L'amministrazione comunale saurana sta valutando una maggior tutela legale del nome Sauris/Zahre, in capo alla sola ed unica comunità locale. Tutto questo senza che nessuno possa o intenda appropriarsi di un nome che può e deve appartenere solamente ad una comunità, specificatamente radicata su di un territorio, ad esso indissolubilmente connotata. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il riferimento è manifestamente a uno stabilimento che sta nascendo ad Ampezzo,  dove si produrranno proprio dei prosciutti. Come andrà a finire la disfida legata a questo celebre insaccato?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • Spiagge, nuova ordinanza in arrivo: ecco cosa deciderà

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

  • Coronavirus: quattro contagi in più a Udine, dodici in tutta la regione

  • Fa entrare i clienti dal retro nonostante le restrizioni, interviene la Polizia

  • Ambulanti in rivolta al mercato di Viale Vat: «Nei centri commerciali fanno entrare e qui no»

Torna su
UdineToday è in caricamento