menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Colonnine elettriche per le bici a pedalata assistita nelle aziende dei Colli orientali, la nuova sfida del cicloturismo

Il progetto "E-bike - Itinerario turistico Colli orientali del Friuli" prevede l'installazione di colonnine per ricaricare le biciclette a pedalata assistita, per unire turismo a sostenibilità ambientale

Unire turismo, conoscenza del territorio e sostenibilità. È questo lo scopo del nuovo progetto "E-bike - Itinerario turistico Colli orientali del Friuli" promosso e realizzato grazie al Consorzio dei Colli orientali del Friuli e ad Upgrade Solutions, azienda di Udine che lavora con e per le aziende del territorio nel settore della consulenza energetica.

Il progetto

Lo scopo del progetto, i cui ideatori e promotori sono Paolo Valle, presidente del Consorzio, Loris Comelli di Upgrade Solutions e Carlo Uccelli di Repower. è quello di rendere fruibile l’itinerario Turistico dei Colli Orientali del Friuli per ciclisti sia italiani che stranieri, mettendo loro a disposizione lungo il tragitto e nei luoghi di pernottamento dei punti di ricarica delle biciclette a pedalata assistita. Il nuovo progetto prevede dunque l’installazione di una serie di colonnine di ricarica elettrica alimentate da fonti di energia rinnovabile, certificate e tracciabile, per e-bikes lungo il percorso dell’itinerario Turistico dei Colli Orientali del Friuli. Un primo progetto di successo è stato l’elettrificazione della Ciclovia Alpe Adria, con l’installazione di 40 colonnine nel 2018.

Requisiti

La cantina o l'attività turistica che deciderà di prendere parte al progetto riceverà una colonnina di ricarica da installare presso la propria struttura. Fondamentale è l'attenzione all'ambiente: alle aziende che aderiranno è richiesto infatti di dimostrare la loro sostenibilità. L'utilizzo di energia da fonti rinnovabili, acquistata o prodotta, l'impegno a ridurre gli sprechi energetici (illuminazione a led, cappotto termico, etc.), l'offerta ai ciclisti di servizi quali noleggio e-bikes, custodia e posteggio sorvegliato dei mezzi, accompagnamento turistico., sono tutte caratteristiche richieste per l'avvio del progetto.

Perché il cicloturismo

La bicicletta è il mezzo ecologico per eccellenza, il cicloturismo diventa così un’attività sostenibile per l’ambiente e il territorio. Un turismo lento che permette di scoprire il territorio e la sua offerta naturalistica, culturale e enogastronomica. Un turismo che si sposa perfettamente con il territorio del Friuli orientale. Il cicloturista, infatti, durante il suo viaggio attraversa anche zone meno frequentate dal normale flusso turistico e spesso viaggia anche in periodi di bassa stagione, tendendo a favorire anche le piccole economie locali.

L'e-bike

La e-bike o bicicletta a pedalata assistita, è molto performante e ha permesso di uniformare il passo dei gruppi, permettendo ai meno allenati di stare al passo dei ciclisti puri e di percorrere maggiori distanze. La ricarica di questi mezzi diventa necessaria visto il peso notevole rispetto alle bici non elettriche. All’interno di una visione sostenibile del turismo, e per un discorso di coerenza le e-bike devono ricaricarsi con energia sostenibile, autoprodotta da impianti dedicati o ricevuta dalla rete purché dalla tracciabilità certificata.

I tre ideatori del progetto, Carlo Uccelli di Repower, Paolo Valle, presidente del Consorzio e Loris Comelli di Upgrade Solutions 

foto-11-20

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, in Friuli continuano a calare ricoveri e contagi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento