Cambio dei vertici alla Confederazione Agricoltori Italiani del Fvg

Andrej Lakovic alla presidenza. Obiettivo? Riconquistare la fiducia degli agricoltori locali

Il nuovo presidente Andrej Lakovic

«Siamo vivi!». È questo il coro unanime che si solleva dal Tavolo della Confederazione Agricoltori Italiani (CIA) del Friuli Venezia Giulia che, a seguito di un massiccio cambio della guardia, si ripresenta “sul campo” completamente rinnovata. 

L’associazione di categoria, infatti, uno dei pilastri storici per i coltivatori, torna sul territorio come un’epifania, mettendo al servizio della terra non soltanto nuovi vertici, ma nuova linfa e propositi concreti. Ecco che l’ex presidente ed ex direttore Enio Benedetti ha passato il testimone ad Andrej Lakovic di Doberdò del Lago e Luca Bulfone, già Direttore Regionale Agricoltura. Non meno importanti i nuovi volti all’interno della Giunta e i vicepresidenti Fabio Lorenzon, Paolo Della Siega, Giuliano Pozzar e Adriano Bravin che, assieme ai dirigenti, hanno decisamente abbassato l’età media della CIA, trasformandola nella guida ideale verso un futuro che ha in serbo non poche sfide e scommesse da vincere. Prima fra tutte, riconquistare la fiducia degli agricoltori locali garantendo presenza, ascolto, aiuto e massimo sostegno.  

«Siamo fortemente motivati e colmi di entusiasmo! – spiega il presidente Lakovic – In breve miglioreremo i servizi ma, soprattutto, ne creeremo di nuovi per supportare e aiutare i coltivatori ad affrontare, passo dopo passo, i difficili cambiamenti. A questo proposito – continua Lakovic – un calendario garantirà la nostra presenza costante e capillare sul territorio, per raccogliere ogni istanza».

«Mai come oggi – fa eco Bulfone – è fondamentale riconquistare i nostri colleghi agricoltori ricordando la vocazione storica che ispirò la nascita di quest’organo, una missione di tutela e sviluppo che intendiamo portare avanti degnamente».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Agenda piena, dunque, per la rinnovata CIA del Friuli Venezia Giulia che, tra i propositi urgenti, annovera anche tavoli di confronto in Regione per discutere le linee guida del nuovo Piano di Sviluppo Rurale garantito dal Fondo europeo, e maggiore attenzione e dialogo con la realtà agricola delle Valli del Natisone e del Carso triestino e goriziano, anche grazie alla presenza in Giunta di Franc Fabec, presidente della Kmecka Zveza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuove regole da stasera: cosa succede per scuole, bar e ristoranti

  • A Codroipo apre "Molo12", il ristorante di pesce di uno chef stellato

  • Covid: C'è una vittima ed è boom di contagi, in Fvg oggi sono 219 i nuovi positivi

  • Fedriga: "Misure restrittive proprio per evitare un nuovo lockdown"

  • Bar aperti oltre la mezzanotte, c'è una prima "vittima" delle nuove regole

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento