menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cgil: "Il bonus bebè non va azzerrato, giusto sostenere i servizi"

Franco Belci: "Condivisibile la scelta di non sprecare risorse, ma ci vuole un aiuto alle famiglie a basso reddito

Di fronte alle attuali ristrettezze di bilancio, è condivisibile la scelta di non disperdere le risorse destinate al welfare, ma di concentrarle su alcune grandi voci di valenza generale. È positivo perciò che si sia incrementata la dotazione del fondo per la non autosufficienza e mantenuta quella relativa al sostegno degli interventi socio-sanitari dei Comuni, in prima linea nell’affrontare le emergenze sociali.

Da questo punto di vista riteniamo ragionevole sospendere l’erogazione del “bonus bebè”: ciò di cui hanno bisogno le famiglie, soprattutto quelle a reddito più basso, non è un’erogazione una tantum, ma un sostegno per tutto il periodo che precede l’inserimento del bambino nella scuola materna. Chiediamo perciò alla Giunta di ripensare in questi termini lo strumento, individuando limiti di reddito per l’accesso al beneficio e indirizzandolo verso un maggiore sostegno all’abbattimento dei costi dei servizi, in particolare gli asili-nido. Con la manovra di luglio si potranno individuare nuove modalità e verificare le risorse da poter impegnare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Anche la Croazia lancia le isole Covid free

Attualità

Coronavirus: 9 decessi, calano ricoveri e terapie intensive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento