"Comprate il latte fresco friulano": l'appello dei sindacati

Fai Cisl, Flai Cgil, Uila Uil del Friuli Venezia Giulia invitano a comprare latte fresco e prodotti locali trasformati a sostegno delle aziende e dei lavoratori

In questo periodo si sta registrando un calo delle vendite soprattutto di latte e prodotti freschi locali derivati dalla sua trasformazione. Da qui, l'appello di Fai Cisl, Flai Cgil, Uila Uli del Friuli Venezia Giulia a comprate latte e prodotti freschi regionali.

Prodotti privilegiati

L'emergenza sanitaria legata al coronavirus ha dettato una corsa agli acquisti tra la popolazione, che sta privilegiando i prodotti surgelati e a lunga conservazione, a scapito delle filiere corte, quindi dei prodotti freschi, e dei loro addetti.

L'appello

“Quando andiamo a fare la spesa – raccomandano i rappresentanti delle tre sigle sindacali – ricordiamoci che dietro i prodotti freschi ci sono aziende che trasformano avvalendosi di persone che lavorano quotidianamente e che vanno sostenute e tutelate, e che ogni alimento fresco genuino è il risultato di una filiera straordinaria, che va dalla stalla alla trasformazione finale”.

Sostegno all'economia

Oggi più che mai è importante salvaguardare l'occupazione e il reddito di tutti gli operatori di questo settore, che stanno continuando a lavorare nonostante l'emergenza sanitaria in atto, sapendo che nelle stalle le vacche vanno seguite ogni giorno. "I nostri acquisti – sostengono i tre sindacatipossono, dunque, fare la differenza e aiutare un settore che già da tempo paga una contrazione nei consumi e che oggi deve fare i conti anche con la chiusura di bar e ristoranti decretata dalla recente ordinanza del Governo sul lockdown".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Crollo del prezzo

L'appello dei sindacati si unisce a quello dei produttori e degli allevatori dei giorni scorsi. “Il problema – concludono le organizzazioni sindacali – è che il prezzo del latte è crollato vertiginosamente in pochi giorni e che non è possibile fare giacenze dell’invenduto: occorre garantire, dunque, più che mai il consumo del fresco, tenendo anche conto che oggi, grazie alle tecniche di trasformazione, anche i freschi hanno, a vantaggio dell’acquirente, una vita piuttosto lunga".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuove regole da stasera: cosa succede per scuole, bar e ristoranti

  • A Codroipo apre "Molo12", il ristorante di pesce di uno chef stellato

  • Fedriga: "Misure restrittive proprio per evitare un nuovo lockdown"

  • Bar aperti oltre la mezzanotte, c'è una prima "vittima" delle nuove regole

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

  • Coronavirus: 90 nuovi casi, tre decessi, due focolai a Martignacco e Gradisca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento