19 marzo al castello di Udine: 20° omaggio civico ai martiri dell'Europa aquileiese

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Presso la grata delle prigioni del Castello di Udine Sabato 19 marzo 2016, anniversario dell'esecuzione nel 1421 dell'ultimo alfiere dello Stato aquileiese, Marco di Moruzzo, il Movimento Civico Culturale Alpino-Adriatico "Fogolâr Civic" e il Circolo Universitario Friulano "Academie dal Friûl" hanno rinnovato per il ventesimo anno una deposizione floreale in ricordo di quanti nei secoli e nei millenni pagarono con la vita il loro irriducibile attaccamento a valori di comunità e libertà nell'Europa figlia di Aquileia e ovunque nel mondo. Rifiutando di sottomettersi agli invasori veneziani, il vessillifero Marco di Moruzzo, vera bandiera del Friuli indipendente, andò incontro all'arresto, a una dura detenzione nelle carceri castellane udinesi sino alla morte e allo sfregio del cadavere, decapitato dopo un processo-farsa in ossequio alla sentenza di un tribunale tirannico. Fu un eroe, un eroe irriducibile, che per amor proprio e della patria si spezzò ma non si piegò. Un eroe, un friulano tutto d'un pezzo, che il movimento del Fogolâr Civic avviato dal "tribuno culturale" udinese Alberto Travain celebra sin dal 1992 e dal 1997 proprio presso quelle inferriate che hanno visto tanti martiri e vittime della 'giustizia' dei vincitori e dei prepotenti. Un accenno è stato fatto anche alla prepotenza subita dalla comunità di Sappada che, nonostante pronunciamento popolare al riguardo, si trova ancora preclusa la strada del ricongiungimento amministrativo al Friuli. In tale contesto naturalmente si è anche reso debito omaggio alla memoria del novello martire civico friulano Giulio Regeni da Fiumicello, ricercatore universitario seriamente impegnato in Egitto negli studi economico-sociali e recentemente ivi sequestrato, torturato e ucciso in un clima di tirannide conclamata, denunciato dallo stesso Parlamento europeo.

Torna su
UdineToday è in caricamento