Gambe gonfie e ritenzione idrica: consigli e rimedi drenanti

Tutti gli alimenti e le regole da seguire per drenare i liquidi e combattere le gambe gonfie, cellulite e pelle a buccia d'arancia

Per chi soffre di ritenzione idrica e gambe gonfie, l'estate è la stagione peggiore, perché a causa del caldo, la vasodilatazione tende ad aumentare, portando di conseguenza il ristagno dei liquidi. Il risultato sono gambe gonfie e pesanti e la comparsa della cellulite e della pelle a buccia d'arancia.

Ritenzione idrica: cos'è

La ritenzione idrica è un disturbo piuttosto diffuso che comporta la tendenza a trattenere liquidi nell'organismo. Comune soprattutto nelle donne, in assenza di patologie quali uno squilibrio tra il sistema venoso e quello linfatico o una cattiva circolazione sanguigna, la causa principale della ritenzione idrica è spesso uno stile di vita poco equilibrato: un'eccessiva sedentarietà e una dieta scorretta, spesso uniti all'infiammazione esercitata dal tessuto adiposo, alla disfunzione vascolare e alla sofferenza a carico del microcircolo, sono fattori che compromettono fortemente le capacità drenanti dell'organismo, facilitando così l'accumulo e il ristagno dei liquidi.

I disturbi

Tra le conseguenze di una scarsa capacità drenante dell'organismo, e di conseguenza del ristagno dei liquidi, troviamo piedi e caviglie gonfie, gambe dolenti al tatto e alla compressione, gambe stanche e affaticate, pelle a buccia d'arancia e cellulite. Inoltre, il ristagno dei liquidi tende a concentrarsi generalmente nelle zone predisposte all'accumulo di grasso, come addome, cosce e glutei, e se è vero che la ritenzione idrica non incide, di per sé, sull'aumento del peso, è anche vero che il sovrappeso contribuisce a rallentare la diuresi e favorire la ritenzione idrica.

I rimedi

Di conseguenza, per sgonfiare le gambe e al contempo combattere ritenzione idrica, cellulite e pelle a buccia d'arancia, è fondamentale abbinare una dieta sana, varia e drenante a un'attività fisica adeguata alle proprie esigenze. Vediamo, quindi, alcuni consigli semplici da seguire per modificare alcuni aspetti del proprio stile di vita e combattere gambe gonfie e ritenzione idrica

Meno sale, più erbe aromatiche

Il sodio è uno dei principali alleati di cellulite e ritenzione idrica: il primo passo per combatterle, quindi, è diminuire il sale e, di conseguenza, la quantità di sodio assunta ogni giorno, aumentando parallelamente l'apporto di alimenti ricchi di potassio, vitamina C e fibre. Un ottimo modo per ridurre il consumo di sale, inoltre, è imparare a cucinare utilizzando le erbe aromatiche e le spezie, capaci di dare sapore e gusto alle pietanze ma anche di apportare tantissimi benefici al nostro organismo. Infine, è importante ricordare che il sodio non si trova unicamente nel sale, ma in tantissimi altri alimenti: è necessario, quindi, limitare anche il consumo di insaccati, formaggi stagionati e prodotti confezionati.

Bevi spesso

Per sconfiggere la cellulite e sgonfiare le gambe è fondamentale assumere tanta acqua: bere, infatti, aiuta a ridurre la ritenzione idrica, favorendo sia l'eliminazione dei liquidi in eccesso e delle tossine sia il corretto funzionamento di intestino e microcircolo. Cercare di bere almeno 1 litro e mezzo di acqua, assumere alimenti drenanti, infusi e tisane e, per ottimizzare il loro potere drenante, prediligere le acque poco mineralizzate, con residuo fisso inferiore ai 50 mg/L.

Assumi potassio e magnesio

Potassio e magnesio sono minerali depurativi che aiutano a combattere cellulite e ritenzione idrica: il potassio regola la distribuzione dei fluidi fra interno ed esterno delle cellule ed è l'antagonista naturale del sodio, favorendo lo smaltimento dei liquidi in eccesso, mentre il magnesio è un microelemento che agisce sulla permeabilità della membrana cellulare e, di conseguenza, influenza il passaggio del potassio e di altri elementi attraverso di essa. Entrambi questi minerali sono naturalmente presenti nelle verdure a foglia larga, nella frutta, come fragole, pesche, albicocche e banane, e in altri alimenti, quali cereali integrali, semi oleosi, legumi e frutta secca.

Via libera alle fibre

Le fibre sono essenziali per rimanere in buona salute, grazie alla loro capacità di regolarizzare l'attività intestinale e di diminuire l'assorbimento di grassi e zuccheri, contribuendo a tenere sotto controllo colesterolo e glicemia e a drenare tossine e liquidi in eccesso. Via libera quindi a cereali integrali, legumi, mele, carciofi, finocchi, asparagi e prugne.

Puntare tutto su carni bianche e pesce

Cercare di evitare alimenti grassi e difficili da digerire, come carni rosse, formaggi e salumi, prediligendo le proteine più leggere di carni bianche, legumi, uova e pesce.

Ridurre gli zuccheri semplici

Gli zuccheri semplici contribuiscono a promuovere l'infiammazione del tessuto adiposo e la sofferenza del microcircolo a causa della loro capacità di trattenere i liquidi: per combattere cellulite e ritenzione idrica è quindi molto importante ridurre il consumo di zuccheri semplici e farine raffinate (bianche), prediligendo i cereali integrali (pasta, pane e riso integrali, orzo, kamut, farro, quinoa). Questi ultimi, infatti, sono ricchi di fibre, che facilitano il drenaggio di liquidi e scorie e aiutano a sentirsi sazi più a lungo, prevenendo abbuffate e attacchi di fame.

10 cibi drenanti per sconfiggere ritenzione e cellulite

Ecco i 10 migliori alimenti drenanti capaci di combattere gambe gonfie, cellulite e ritenzione idrica:

  • ananas
  • anguria
  • asparagi
  • cetrioli
  • cipolle
  • lattuga
  • mele
  • mirtilli
  • pomodori
  • ribes

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientro dalla Croazia, Fedriga apre ai tamponi al confine

  • Dalla grappa al gelato: il re friulano dei distillati realizza il suo sogno da 5 milioni di euro

  • Turismo, il Friuli Venezia Giulia è penultimo nella reputazione nazionale

  • Migranti, la rabbia del sindaco di Gonars: "Pago di tasca mia e li porto tutti a Palazzo Chigi"

  • Vacanze in Croazia, quello che si deve fare quando si rientra in Italia

  • Si rompe un appiglio e cade per cento metri: muore sul Monte Sernio un escursionista

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento